IL DRAMMA DELL’UNITA’, UNA NUOVA VITA ANCHE SCIOGLIENDO LE AMBIGUITA’ CON IL PD

di Cinzia Romano

Proprio nell’anno in cui ha celebrato i suoi 90 anni di vita e di storia. Proprio nello stesso mese in cui anche 14 anni fa annunciò la fine delle pubblicazioni che durò allora otto lunghi mesi. Per molti, come chi scrive, è il ritorno di un incubo, di un dolore e di una perdita grave.

L’Unità in questi 90 anni è stato un tutt’uno con la storia politica e culturale dell’Italia, con le passioni, le lotte e le idee che si sono confrontate e scontrate nel Paese. Per chi come me ha avuto l’onore di lavorarci e di crescerci professionalmente e umanamente non è  solo una delle tante crisi e chiusure editoriale che ormai da decenni cancellano testate vecchie e nuove, grandi o piccole.

All’Unità non ci lavoro più proprio dalla prima chiusura, quella del 2000, quando decisi che la mia vita professionale doveva prendere altre strade. Allora credevo che la vendita e il passaggio dal partito ai privati non sarebbe stata la soluzione di tutti i problemi. Nè di quelli economici nè di quelli editoriali. Oggi, seguendo la vicenda dell’Unità e di molti altri giornali, non ho cambiato idea. E la cosa non mi fa affatto piacere.

I colleghi dell’Unità hanno spiegato il cinismo e la spregiudicatezza  dell’assemblea dei soci che ha decretato la chiusura. Ancora una volta, oggi come ieri, i lavoratori dell’Unità sono stati i soli con passione  e determinazione a mantenere quel dialogo costante con gli elettori, pochi o tanti che siano. 

Ma oggi più che nel passato saranno ancora più soli. Con ignoranza e cinismo alcuni, troppi, si riempiono la bocca di mercato, si paragonano i giornali ad attività imprenditoriali o commerciali qualsiasi, si tuona contro i finanziamenti all’editoria additati come l’ennesimo sperpero di denaro pubblico.

Si dimentica che il pluralismo e la ricchezza dell’informazione è un bene prezioso per tutti, da tutelare e da preservare come prescrive anche la nostra carta costituzionale. Anche per chi non si riconosce nella battaglia e nelle idee che caratterizzano un giornale da un altro. Perché l’informazione è un bene di tutti, è un servizio pubblico anche quando è di proprietà di un privato.

Per questo è importante che l’Unità trovi una sua nuova strada per vivere, sciogliendo anche quel rapporto ambiguo col Pd che di fatto è oggi il non editore-editore del giornale. Le soluzioni esistono, se le si vuole trovare. #iostoconl’unità.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


6 + 11 =