CASAGIT, OPERAZIONE TRASPARENZA SUI CONTRIBUTI PAGATI DAGLI ISCRITTI

di Mario Antolini *

Nei prossimi giorni Casagit invierà ai soci una lettera annunciando una “Operazione trasparenza” che consentirà di aggiornare tutti gli estratti contributivi e, prossimamente, di poterli consultare sul sito www.casagit.it, nella “Area riservata soci”. In pratica, si potrà sapere in tempo reale quanto è stato pagato, quanto si debba eventualmente pagare e per quale motivo.

E’ però necessario un minimo di collaborazione da parte dei soci. Il problema non si pone per i contributi direttamente prelevati dalla busta paga o dal rateo pensione. Si pone invece per i contributi volontari, cioè quelli pagati per i familiari, per le aspettative, per la maternità, per i Nuovi Profili 2,3 e 4, ecc. Si raccomanda pertanto di seguire le indicazioni qui riportate.

Usare il Mav o l’ex Rid

Per pagare i contributi volontari, usare il MAV o l’SDD (cioè l’ex Rid) è l’unico sistema efficiente e diretto. Il MAV è il bollettino inviato per posta da Casagit, e si può pagare online, in banca, al bancomat o alle Poste (scelta meno indicata, per quanto diremo più avanti). L’SDD (l’ex Rid) è la disposizione diretta di addebito in conto corrente. Il pagamento con MAV o SDD arriva alla Cassa in soli due o tre giorni lavorativi, con la precisa attribuzione delle ragioni del versamento. Ne consegue che la posizione del socio è immediatamente e automaticamente registrata come regolare, quindi senza provocare alcun ritardo nella autorizzazione alle convenzioni dirette o nella liquidazione di rimborsi. Ovviamente, ogni regola ha la sua bella eccezione e così il MAV pagato alle Poste ci mette due buoni mesetti ad arrivare in Casagit. Per concludere: la cosa migliore è usare l’SDD (l’ex Rid, addebito in conto corrente) o il MAV pagato online, in banca o al bancomat. Se si usa il MAV, è opportuno ricordare che ogni bollettino ha un codice identificativo specifico e ha un ben definito importo: per cui mai, e per nessuna ragione, pagare due volte lo stesso MAV o pagare con un codice MAV un importo diverso da quello indicato sul bollettino.

Evitare il bonifico

Sono molte le controindicazioni. Il bonifico bancario arriva a Casagit mediamente dopo una decina di giorni dalla disposizione allo sportello o online. Inoltre (per le particolari modalità di trasmissione dalle banche a Casagit), il bonifico spesso non garantisce l’identificazione del pagante, né la causale del contributo o il suo periodo di riferimento. In tutti in casi in cui non è facile l’identificazione, la Cassa ignora l’avvenuto versamento e di conseguenza considera irregolare la posizione, bloccando così le autorizzazioni alle convenzioni dirette come la liquidazione dei rimborsi. Inoltre, a differenza di MAV e SDD, il bonifico deve essere lavorato manualmente, allungando inevitabilmente i tempi per la regolarizzazione della posizione.

E se il MAV non arriva?

I MAV sono inviati per posta all’inizio di ogni trimestre contributivo, quindi ai primi di gennaio, aprile, luglio e ottobre, e devono essere pagati rispettivamente entro il 31 gennaio, il 30 aprile, il 31 luglio e il 31 ottobre. Se non li vedete arrivare, basta chiederli attraverso il sito www.casagit.it (finestra “Come contattarci” e poi “Posizioni e contributi”), oppure dalle 9,00 alle 13,00 al centralino 06-548831, quindi selezionando linea per “Posizioni e contributi”.

* Fiduciario della Casagit per il Lazio, esponente di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno + dieci =