EDITORIA COOPERATIVA, A RISCHIO ALTRE 82 TESTATE. LE RIPERCUSSIONI PER IL WELFARE

L’editoria cooperativa, non profit, di idee e testimonianza, che opera in gran parte nel settore dell’informazione locale, rischia di scomparire. Negli ultimi due anni trentadue testate hanno chiuso i battenti, a causa delle difficoltà generali che il sistema dell’informazione sta attraversando ma – soprattutto -dalla progressiva e drastica riduzione del sostegno pubblico.

Altre ottantadue testate potrebbero essere costrette a farlo nelle prossime settimane, ponendo fine alla esperienza cooperativa e non profit nel campo della informazione: infatti, la Legge di stabilità 2015, in discussione in Parlamento, ne cancella del tutto il sostegno. A questo si aggiungano le ricadute per il sistema del welfare, laddove Inpgi e Casagit dovrebbero far fronte a una nuova ondata di ammortizzatori sociali.

Per  informare l’opinione pubblica sulla drammaticità della situazione e per chiedere al Senato di ripristinare i sostegni necessari per evitare un colpo durissimo al pluralismo ed al diritto ed alla qualità dell’informazione FNSI, USPI, Articolo21, ACI–Comunicazione, File, Mediacoop, FISC, Slc-CGIL, ANSO hanno convocato una conferenza stampa per domani 9 dicembre alle 12 nella Sala Nassiriya al Senato della Repubblica.

Parteciperanno parlamentari, operatori e associazioni di settore. Le associazioni che convocano la conferenza stampa sono: Alleanza Delle Cooperative Italiane Della Comunicazione, Federazione Nazionale Stampa Italiana, Federazione Italiana Liberi Editori, Federazione Italiana Settimanali Cattolici, Sindacato Lavoratori Comunicazione – Cgil, Unione Stampa Periodica Italiana,  Associazione Articolo 21 Per La Libertà Di Stampa, Associazione Nazionale Stampa Online, Mediacoop.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sedici − quattro =