GIORNALISTI, VIA LIBERA AGLI SGRAVI CONTRIBUTIVI PER LE NUOVE ASSUNZIONI

di Carlo Chianura

Sono operative le agevolazioni contributive agli editori che assumano giornalisti con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato e indeterminato.

La svolta su questo importante provvedimento si è avuta ieri, quando l’Inpgi ha ricevuto e recepito le osservazioni dei ministeri vigilanti.
Il provvedimento prevede per una durata di 36 mesi la eliminazione della intera quota del contributo pensionistico dovuto all’Inpgi dalle aziende se il giornalista è assunto a tempo indeterminato. Se invece l’assunzione è a tempo determinato la riduzione è del 50 per cento.
Il quadro normativo di riferimento è la legge 147 del 27 dicembre 2013, articolo 1, comma 261, che istituisce il Fondo straordinario per gli interventi a sostegno dell’editoria, all’interno del quale è prevista tra le varie misure quella di promozione della occupazione giornalistica.
Vediamo nel merito questo importante provvedimento, che dovrebbe consentire in un momento di grave crisi del settore l’assunzione di un discreto numero di colleghi.
L’Inpgi concede alle aziende – relativamente al 2014 – sgravi per 11 milioni di euro complessivi per l’assunzione di “giornalisti in possesso di specifiche competenze professionali nel campo dei nuovi media” sia a tempo indeterminato che a tempo determinato.
L’agevolazione che abbiamo descritto sarà revocata qualora il datore di lavoro non proceda alla trasformazione in rapporto di lavoro a tempo indeterminato di una quota pari almeno al 20 per cento dei rapporti a termine oggetto dello sgravio, al netto dei contratti di sostituzione.
Le agevolazioni saranno concesse a tre condizioni. La prima è che le assunzioni risultino di incremento rispetto alle medie dei 12 mesi precedenti, al netto di dimissioni volontarie, di licenziamento per raggiunti limiti di età o per giusta causa. La seconda è che il datore di lavoro risulti in stato di regolarità contributiva. La terza condizione è che non sia superato il limite massimo degli aiuti di Stato previsto dal regolamento comunitario.
Un’altra notizia positiva è che questi stessi interventi proseguiranno nel 2015 e nel 2016, nei limiti dei fondi che verranno messi a disposizione con i relativi decreti della presidenza del Consiglio.
La novità di natura culturale che emerge infine sono i paletti posti alle aziende per impedire abusi sulle agevolazioni. Vediamoli. I soldi del Fondo sono preclusi alle aziende che non si iscrivono all’elenco di imprese che garantiscono il rispetto di un equo compenso. Nessuna agevolazione inoltre per gli editori che a partire dal decreto della presidenza del Consiglio del 30 settembre 2014 (il decreto Lotti) per tutta la durata delle misure finanziate distribuiscano a propri dirigenti bonus, stock option “e ogni altra forma di premio non strettamente legato alla dinamica retributiva” o collegati a risparmi sul costo del lavoro giornalistico.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


dieci + 11 =