EX FISSA, ENTRO IL 15 MARZO PAGATO L’ANTICIPO. PRIMA RATA A NOVEMBRE

Entro i primi quindici giorni di marzo dovrebbe essere versato ai circa 1.200 giornalisti pensionati, in attesa anche da anni, l’anticipo di 10.000 euro relativo all’ex fissa.

 

E’ l’effetto della approvazione da parte dei ministeri vigilanti della delibera del Cda dell’Inpgi che ha erogato alla Fieg un prestito di 12 milioni di euro per sbloccare i pagamenti del fondo.
Nello stesso tempo l’istituto di previdenza dei giornalisti, in quanto gestore contabile di un fondo che continua a far capo a Fieg e Fnsi, elaborerà la posizione di ogni singolo giornalista in base alla sua età, alla cifra che deve percepire e al tempo di attesa già trascorso.
Quella dei 10.000 euro di anticipo è una cifra lorda, che, al netto, dovrebbe scendere a 6.500 circa. In linea di massima, partendo da una base media di 12 anni di rateizzazione, questa si riduce o aumenta considerando i parametri indicati. Di certo, l’attesa sarà lunga, e comunque inferiore a quella dei giornalisti che non hanno ancora maturato il cosiddetto diritto perfetto, in quanto non ancora in pensione, per i quali si potrebbe arrivare a 15 anni.
Altra notizia importante: entro novembre 2015 sarà erogata in una sola rata annuale la prima tranche della fissa. La scelta di preferire il pagamento unico annuale deriva dalla necessità di creare una adeguata e progressiva riserva del fondo e soprattutto dalla possibilità di applicare la tassazione separata senza osservazioni negative da parte dell’Agenzia delle entrate.

 

Resta infine da capire se saranno inclusi nell’acconto i giornalisti andati in pensione dopo il 31 luglio 2014 in poi, data in cui è stata firmatala nuova convenzione tra Fnsi e Fieg.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


20 − 4 =