SOPAF, CHIANURA (INPGI FUTURO): TEMPESTIVA CONVOCAZIONE DEL CDA PER LE DECISIONI FINALI DELL’INPGI

“La tempestiva convocazione del Consiglio di Amministrazione dell’Istituto, nei termini di Statuto” per discutere del caso Sopaf è stata chiesta dal consigliere di amministrazione Inpgi Carlo Chianura in una lettera inviata al presidente dell’ente Andrea Camporese, alla presidente del collegio dei sindaci Stefania Cresti e a tutti i componenti del Cda.
“Faccio seguito alle precedenti istanze e ai pregressi colloqui intervenuti con la direttrice generale Mimma Iorio”, scrive il 3 marzo Chianura, eletto nella lista Inpgi Futuro sostenuta da Puntoeacapo, “e, con la presente, rinnovo la richiesta di acquisizione in copia di tutti gli atti e di tutti i documenti presupposti e connessi alla indagine penale in corso sul cosiddetto caso Sopaf e che saranno esibiti dai legali dell’Istituto in occasione della prossima riunione del 5 marzo p.v., come da informativa già resami circa la disponibilità per quella data della documentazione in questione”.
La richiesta viene fatta “ai fini di ogni più opportuna valutazione circa le iniziative da intraprendere da parte dell’Istituto, o da chi per esso, sia nel giudizio penale pendente e sia in eventuali altri giudizi, da instaurare nelle competenti sedi”.
Il fondamento principale di questa richiesta va individuato secondo Chianura “nella tutela dei diritti e degli interessi dell’Inpgi e, ancora di più, degli iscritti all’Istituto”.
“Evidenzio inoltre come questa vicenda – attesa la natura giuridica dell’istituto – è soggetta al controllo della Corte dei Conti, con ogni conseguenza sulla individuazione di una eventuale responsabilità patrimoniale per gli appartenenti al Consiglio di Amministrazione”.
Chianura, che non ha ricevuto risposta, ha chiesto che alla riunione informale del 5 marzo “faccia seguito la tempestiva convocazione del Consiglio di Amministrazione dell’Istituto, nei termini di Statuto, per le definitive determinazioni da adottare con riferimento al giudizio penale in questione che vede coinvolti i signori Giorgio Magnoni e Luca Emilio Alessandro Magnoni, e la cui prossima udienza è fissata per il 12 marzo 2015”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 × due =