CASO SOPAF, FRANZ (INPGI FUTURO): COMMISSIONE D’INCHIESTA E CONSIGLIO GENERALE STRAORDINARIO

Una commissione d’inchiesta sul caso Sopaf e un consiglio generale straordinario dell’Inpgi. E’ la richiesta che il sindaco dell’istituto Pierluigi Franz rivolge in una lettera aperta inviata al vicepresidente Paolo Serventi Longhi.
Franz, che scrive per conoscenza al presidente Camporese, al Cda, agli altri sindaci e alla direttrice generale, prende spunto da un articolo scritto su Facebook dal presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti Enzo Iacopino intitolato: “Scandalo Sopaf, come guadagnare 7.600.000 euro in un click” “in cui si accredita una versione dei fatti da parte del legale esterno di fiducia dell’Inpgi, da te nominato, totalmente diversa da quella che mi era stata fornita da 6 anni a questa parte, come Sindaco dell’Istituto, in base alle ricostruzioni del Presidente Inpgi Andrea Camporese e degli Uffici su cui avevo sempre riposto la mia totale e incondizionata fiducia”.
Si tratta, afferma Franz, di “una versione dei fatti per di più conosciuta dall’Inpgi a mia insaputa da ben 15 giorni, essendo stata protocollata il 5 marzo scorso, che intacca gravemente la mia dignità, integrità morale, onestà e buona fede con gravissimo danno alla mia immagine e alla mia parola d’onore”.
Il sindaco dell’Inpgi, che fa parte del comitato consultivo di Puntoeacapo ed è stato eletto con la lista di Inpgi Futuro, fa poi riferimento a una vicenda del passato. “In analogia a quanto avvenne una dozzina d’anni fa nel caso dell’ex consigliere di amministrazione Inpgi Raffaele Nicolò, che era stato condannato in via definitiva in sede penale per truffa ai danni dell’Inpgi, Ti chiedo quindi di nominare una Commissione d’indagine interna affidata alla presidente del Collegio Sindacale Stefania Cresti (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) e agli altri due Sindaci ministeriali Virgilio Povia (Presidenza del Consiglio) e Vincenzo Limone (Ministero dell’Economia e delle Finanze) che unitamente al direttore generale Inpgi Mimma Iorio riesamini a fondo tutta la documentazione in possesso dell’Inpgi e/o acquisita dall’Inpgi tra gli atti del procedimento penale in corso al Tribunale di Milano nei confronti dei signori Giorgio e Luca Magnoni (ex amministratori della Sopaf) e rinviato al 14 aprile prossimo, procedimento penale in cui é indagato per truffa anche il presidente Inpgi Andrea Camporese, proclamatosi sempre innocente e il cui sacrosanto diritto costituzionale di difesa va comunque salvaguardato”.
La commissione dovrà accertare secondo Franz “la veridicità – o meno – di quanto ora scritto dall’avv. Andrea Marani dello Studio Legale Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners  che se fosse confermata, capovolgerebbe l’intera ricostruzione dei fatti finora esposta dal presidente Camporese al Consiglio di amministrazione e al Consiglio generale, nonché dagli uffici dell’Istituto al Collegio Sindacale”.
Franz chiede infine a Serventi Longhi, che ha ricevuto l’incarico da Camporese di rappresentare l’Inpgi in questa vicenda onde evitare conflitti di interessi, “di convocare al più presto in via straordinaria il Consiglio generale dell’Inpgi per discutere di questo argomento e di rendere poi pubblici i risultati della Commissione, trasmettendoli con urgenza, per quanto di loro rispettiva competenza, anche alla Procura della Repubblica di Milano, alla Procura della Repubblica di Roma (per competenza territoriale sull’Inpgi), alla Procura regionale della Corte dei conti del Lazio, alla Corte dei conti – Sezione Controllo Enti, alla Commissione parlamentare di controllo sull’attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e alla dottoressa Concetta Ferrari, direttore generale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattordici − 3 =