EX FISSA, FARSA CONTINUA. IL CDA INPGI COSTRETTO DAL MINISTERO A UNA NUOVA DELIBERA

Una nuova delibera e pagamenti in stand-by, aspettando l’ok definitivo del ministero del Lavoro.

E’ questa la conclusione cui è pervenuto oggi il consiglio di amministrazione dell’Inpgi, al termine della riunione in cui ha esaminato la nota della Covip che ha rimesso in discussione il pagamento dell’anticipo dei 10.000 euro ai circa 1200 pensionati in attesa anche da svariati anni.

In questa fase l’istituto non può che adeguarsi, cercando contemporaneamente una interlocuzione con il ministero per sollecitare l’approvazione definitiva della delibera.

In un comunicato l’Inpgi ribadisce “per l’ennesima volta che interviene nella vicenda come mero esecutore degli accordi intervenuti tra le parti sociali (Fnsi-Fieg) in occasione dell’ultimo rinnovo contrattuale”. Il Cda, “nel fornire le dovute risposte tecniche ai quesiti sollevati, ha confermato che gli uffici sono pronti ad erogare la tranche di 10 mila euro lordi per ciascun giornalista avente diritto, così come da accordo contrattuale, non appena l’iter ministeriale sarà concluso”.

Certo è che la farsa continua. E che i responsabili di tutto, Fnsi e Fieg,  ora guardano altrove per non ammettere il disastro. Lasciando la patata bollente all’Inpgi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 × uno =