PUNTOEACAPO: TUTELE, TRASPARENZA, DEMOCRAZIA. ECCO I PILASTRI DELLO STATUTO

di Mario Antolini *
La scelta di Puntoeacapo di darsi uno Statuto vuole certamente definire un sistema di regole chiare, democratiche e trasparenti sulle quali basare la propria vita associativa.
Ma anche – e forse soprattutto – vuole disegnare un progetto di lavoro e di impegno a sostegno e tutela di una professione, quella giornalistica, che oggi appare drammaticamente esposta a sconvolgimenti epocali: e ne appare investito e travolto ogni aspetto della professione, dai livelli retributivi e il sistema di welfare dei contrattualizzati, alla assenza di difese per i freelance, di fatto avviliti in un limbo di diritti negati che grida vendetta.
E’ anche per questo che tra i principi programmatici indicati dallo Statuto, accanto alla difesa della libertà di informazione e della promozione dei diritti economici, sociali e professionali della categoria, all’articolo 2 si dichiara esplicitamente un impegno a “offrire supporti per la tutela legale e legale e professionale, per la consulenza retributiva, previdenziale e fiscale”, nonché ad attivare convenzioni in settori commerciali “di interesse strumentale per il lavoro giornalistico”. Ci si propone, insomma, di agire con interventi concreti, sempre di effettivo, reale servizio a vantaggio dei giornalisti.
Ma – ed è questa una novità assoluta nel panorama dell’associazionismo della categoria – lo Statuto di Puntoeacapo tra i suoi principi programmatici indica anche “la promozione dell’ascolto e del confronto con i lettori per l’affermazione dei valori della libertà di stampa e del diritto alla libertà di informazione”: Puntoeacapo vuole decisamente restar fuori dalla autoreferenzialità, il male oscuro che ha fin qui debilitato la categoria, e intende invece uscire all’aperto e interagire con i destinatari naturali del lavoro dei giornalisti, quei lettori troppo spesso dimenticati.
Dal punto di vista normativo, lo Statuto disegna una struttura snella ma efficiente, con un efficace livello di trasparenza e di garanzia democratica: da un lato, organismi direttivi non pletorici (vertice politico-operativo di soli quattro membri, Consiglio di Consultazione di tre colleghi con responsabilità negli Enti di categoria, Collegio dei probiviri di tre membri) e sempre tutti eletti direttamente dalla Assemblea degli iscritti, il vero dominus dell’Associazione; dall’altro, obbligo alla pubblicazione del bilancio, possibilità di autoconvocazione della Assemblea degli iscritti, procedura disciplinare affidata ai Probiviri ed al Consiglio di Consultazione e non al vertice politico-operativo.
Troppo bello? Forse. Ma la risposta a questa domanda dipende soltanto dall’impegno che i colleghi attivi in Puntoeacapo e quelli che l’associazione riuscirà a coinvolgere nei prossimi mesi sapranno dispiegare nei giorni a venire: un impegno che Puntoeacapo promette serio, convinto e duraturo.
* Vice portavoce di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


4 × 4 =