EDITORIA, NUOVE RISORSE PER L’OCCUPAZIONE. ANDIAMOCELE A PRENDERE

di Luciano Borghesan *

Ho letto l’intervento del presidente dell’Inpgi Andrea Camporese e capisco le ragioni tecniche (anche apprezzabili) su cui si sono mossi i Cda dell’istituto, ma mi chiedo se quella sua frase finale non sia una excusatio non petita: “Il mondo non finisce, non avere una visione del nuovo mondo sarebbe gravemente colpevole”.
Io la penso così: l’appartenenza alla stessa leadership che ha guidato la Fnsi in questi decenni ha portato a non avere una visione del nuovo mondo dell’informazione: nell’analisi di Camporese infatti (come in quelle di Giovanni Rossi e Franco Siddi sostenuti in particolare dal partito della tv, per citare gli ultimi dirigenti del sindacato nazionale) non ci sono mai ipotesi per riportare il tema delle risorse per l’occupazione al centro del confronto con governo, Parlamento e Fieg.

Un istituto di previdenza di categoria ha senso se c’è un settore in espansione o forte, non in recessione, e con le visioni catastrofiche (tutte nella valle dell’assistenza e mai a monte per favorire posti di lavoro) di questi dirigenti, del tutto privi di proposte costruttive, di progetti, non si potrà che peggiorare.

Spero che i nuovi vertici Fnsi diano segnali nuovi nella direzione della ridistribuzione delle risorse pubblicitarie, dei contributi pubblici ricavati da concessioni tv pagate (finalmente) a prezzi di mercato, dei rimborsi da parte dei motori di ricerca per i prodotti di fonte giornalistica.

Secondo me, le risorse ci sarebbero, ma bisogna prenderle a chi le ha destinate ad altro (e l’elenco è lungo).

* Consigliere generale dell’Inpgi eletto nelle liste di Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


17 + diciotto =