LA GENEROSITA’ DI INPGI E CASAGIT, LE SPESE E GLI SPRECHI DEL SINDACATO

Ma quanto sono generosi l’Inpgi e la Casagit con il sindacato! E continuano a esserlo, nonostante ad esempio il passivo reale da oltre 80 milioni nel bilancio dell’istituto di previdenza, un risultato che imporrà tagli anche drastici alle prestazioni.

Già nei mesi scorsi avevamo segnalato che, in tempi di spending review, l’Inpgi non poteva più permettersi di girare alla Fnsi e alle Associazioni regionali della stampa il 10% dei propri costi di gestione totali e cioè circa 2,5 milioni di euro. E questo sia per motivi di risanamento del bilancio, sia per equità, visto che al sindacato risulta iscritto un giornalista sui 5 che versano i loro contributi all’Inpgi.

Stessa generosità, fatti i dovuti rapporti, da parte della Casagit che versa alle associazioni regionali nel suo complesso 1,118 milioni di euro piu 621 mila euro direttamente alla Fnsi. Una cifra pesante per una cassa che si dovrebbe solo occupare della salute dei giornalisti e delle loro famiglie. Tra l’altro la Casagit non acquisisce , come invece fa l’Inpgi, una analitica rendicontazione delle spese effettuate.

E da qui scopriamo che questo fiume di soldi, le associazioni regionali lo spendono in modo assai diverso una dall’altra, con voci che creano un quadro come minimo sconcertante.

Per esempio: lo sapevate che la Campania ha il record per il costo lordo più alto? E’ infatti di 63.753 euro annui (3 dipendenti), seguita dall’Abruzzo (63.434 euro, 1 dipendente), dalla Toscana 62.000 euro (2 dipendenti) e dal Veneto 60.937 euro (3 dipendenti). Tra le due associazioni più grandi, la Lombardia (14 dipendenti e con più iscritti) costa 51.124 euro, decisamente meno del Lazio (13 dipendenti) che la supera di oltre 6 mila euro.

Per quanto riguarda invece le ore di lavoro dedicate dal personale delle associazioni regionali alle attività dell’Inpgi, emergono le cifre più disparate: la Lombardia, che pure riceve dall’Inpgi il contributo assoluto più alto (385 mila euro), ha il coefficiente più basso (0,16), mentre quello della Puglia è il più alto (0,88), seguita da Friuli Venezia Giulia e Sardegna, entrambe con 0,75.

Volete sapere quale è il costo lordo medio di un dipendente delle associazioni regionali? I più costosi sono in Campania (63.753 euro annui pro capite), in Toscana (62.000) e Sardegna (61.516), mentre i meno retribuiti sono in Puglia (20.505), Valle d’Aosta (26.487) e Basilicata (27.191). Salta poi all’occhio la differenza tra Lazio (57.338) e Lombardia, i cui dipendenti costano seimila euro in meno (51.124 euro l’anno).

Passiamo alle spese per materiali di consumo: paragonando associazioni regionali simili per numero di iscritti la Lombardia (14.531 iscritti) spende 77.569 euro l’anno, oltre sei volte di più del Lazio (12.757 iscritti, 12.317 euro di spesa) e il Trentino Alto Adige (1356 iscritti), spende 6.859 euro, tre volte tanto la Toscana (3.687 iscritti) che spende 2.000 euro. Nella spesa per le utenze il primo posto tra le associazioni regionali più piccole è della Sardegna: un vero record pari a 30.445 euro l’anno, tre volte tanto rispetto alla Liguria che pure ha più iscritti (1488). La Lombardia invece spende 38 mila euro circa in più del Lazio (86.095 contro 47.885 euro).

Un’altra anomalia che salta agli occhi è quella che riguarda le spese per assemblee e convegni Inpgi (al netto di altre erogazioni). Nel Lazio – dove pure ci sono le sedi di Inpgi e Fnsi- si sono spesi 48.329 euro, mentre zero risultano le spese in Lombardia. Ma il Lazio stesso è surclassato dal Veneto (3.459 iscritti ) che ha speso ben 94.777 euro contro zero spese del Piemonte (3.639 iscritti).

Insomma: il sindacato dei giornalisti sarà pure unico, ma le sue spese sono diversificate oltre che abbondanti…

(1 – continua)

Alessandra Spitz, consigliere generale Inpgi, esecutivo di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


14 − tre =