CASAGIT, PRESTO MISURE CONTRO I CONTI IN ROSSO E CONTRO LO SCANDALO DEGLI EDITORI-EVASORI

di Corrado Chiominto *

La crisi che ha tagliato il numero dei giornalisti contrattualizzati e gli editori che socializzano le perdite non versando i contributi che invece dovrebbero e che fanno parte dello stipendio dei colleghi.

Sono queste le due principali dinamiche che pesano sui conti della Casagit che nel 2014, per la prima volta dal 2008, tornano ad essere in rosso. E’ stata una scelta consapevole: nel corso del 2014 avevamo già quantificato con attenzione gli scostamenti, ma abbiamo deciso che, essendo contenuti, non avremmo fatto pesare questo andamento sulle spalle dei colleghi, visto che abbiamo costruito negli anni una riserva di garanzia che ci pone al sicuro almeno per un po’. Questo però non basterà per il futuro e, poiché per dare sicurezza ai colleghi bisogna avere i conti in ordine, a settembre faremo una valutazione sugli interventi da adottare.

Ma torniamo ai conti.

In concreto il bilancio si chiude con un rosso di 758 mila euro: un passivo di 1,800 milioni di euro della gestione caratteristica (cioè prestazioni contro contributi) che viene in parte compensato con 1,042 milioni raccolti con la  gestione extracaratteristica (cioè con i proventi degli investimenti, che hanno fruttato lo scorso anno il 4 per cento). Senza entrare troppo nei numeri, il costo delle prestazioni è aumentato, ma meno del previsto, mentre i contributi dei colleghi sono diminuiti più del preventivato.

E’ l’effetto della crisi. E qui i numeri servono a capire. In cinque anni sono diminuiti spaventosamente, calando da 53.559 a 49.884. Si è acceso un campanello d’allarme perché i contrattualizzati sono crollati dal 14,7% passando dai 17.492 del 2009 ai 14.922 del 2014. Ci sono in pratica 2.570 colleghi in meno. E’ il frutto della politica di editori scellerati che hanno rottamato una generazione di colleghi senza che il sindacato si opponesse, a danno di Casagit e, soprattutto, dell’Inpgi, del nostro welfare di categoria.

Negli stessi anni il gruppo dei pensionati (che era a quota 6.669 colleghi) è salito di 1.463 unità. Chiaro che questo crea uno sbilanciamento sui conti. Ecco come. Un contrattualizzato con un familiare paga 100 e incassa 53, un volontario paga 100 e incassa 96, un pensionato con un familiare paga 100 e incassa 183. Così, anche se i pensionati hanno versato tutta una vita i contributi come contrattualizzati, l’aumento dell’età media dei giornalisti e di assunzioni crea uno squilibrio nei conti.

L’altro fenomeno di cui preoccuparsi riguarda le strategie furbette degli editori che talvolta, senza nemmeno dirlo ai colleghi, non versano i loro contributi. Al momento ci sono 1.432 aziende editoriali che, in Italia,  dovrebbero versare i contributi a Casagit: di queste, 330 non rispettano le scadenze e altre 300 sono fallite, oppure cessate (in pratica scomparse). Così la cassa è costretta a un processo di recupero crediti imponente. Solo nel 2014 i passaggi a perdita sono stati pari a 205 mila euro (e in un caso, prima che l’azienda finisse in fallimento, abbiamo accettato in pagamento un immobile che ovviamente porteremo a realizzo appena il mercato si riprenderà).

Bisogna dire che fino a oggi Casagit ha mantenuto le prestazioni anche ai colleghi assunti da editori che non pagano o lo fanno in modo scorretto. Si chiama solidarietà. E anche qui i numeri consentono di capire l’impegno della nostra cassa e pone il problema di fino a che punto di equilibrio questo è possibile.  Al momento ci sono circa 1.500-2.000 colleghi in questa situazione. Ma usufruiscono gratuitamente di Casagit 1.200 disoccupati e 120 pensionati sotto la soglia. Ci sono poi 360 pensionati che hanno redditi bassi e pagano solo 490 euro l’anno e circa 2.050 colleghi che pagano meno del minimale di 1.000 euro. Il contributo medio per il profilo 1 è invece di 3.095 euro. La riduzione dei contrattualizzati, ovviamente, toglie ossigeno anche alla solidarietà.

Qualche correzione dovrà essere fatta. Le iniziative prese da Casagit Servizi (gestione sanità Confcommercio, apertura di un poliambulatorio per i professionisti a Roma) non basteranno. L’ipotesi sul tappeto è quella di un intervento che duri per cinque anni, che raddrizzi i conti con un mix di misure. Il Cda a settembre avvierà un confronto, anche perchè i conti del 2015 registrano un’ amplificazione del rosso. Dovremo ragionare a voce alta su quale prestazione va riorganizzata (medicine, fisioterapia?), su qual è la strategia e la mission di Casagit (sostitutiva o integrativa del servizio sanitario). Ma anche di un necessario riequilibrio all’interno delle varie categorie di colleghi, ad esempio per quanto riguarda i “volontari” (cioè i giornalisti non più contrattualizzati che pagano secondo tre fasce contributive). Di certo noi saremo attenti all’equità, con un occhio particolare alla famiglia, che in alcuni casi, per un sommarsi di meccanismi contributivi, è chiamata a pagare troppo.

* Cda Casagit, membro del Consiglio consultivo di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 × 3 =