RAI, SUL CONCORSO MAGGIORANZA FNSI CONTRO IACOPINO. LA PAGLIUZZA E LA TRAVE

Oltre un anno di attesa, ma solo venti giorni di preavviso e la convocazione, il primo luglio, per quasi 5 mila persone in un piccolo paese  dell’Umbria.

E’ certamente singolare la tempistica e l’organizzazione da parte della Rai del cosiddetto concorsone che dovrebbe portare alla formazione di una lista di 100 giornalisti da assumere nelle reti .
Gli aspiranti cronisti Rai hanno subito criticato sui social network il ridottissimo preavviso e il luogo scelto per la selezione pubblica, un comune di 21mila abitanti, tra Assisi e Perugia, non certo comodo da raggiungere e che non ha una ricettività capace di accogliere così tante persone. “E’ una intollerabile vergogna – ha commentato il presidente dell’Ordine dei giornalisti Enzo Iacopino, dando loro ragione – che costringerà molti a rinunciare”.
E subito sono scoppiate le polemiche. “Se l’Ordine dei giornalisti è gestito in modo ignorante e demagogico è non solo inutile ma anche dannoso”: è stata la replica tranchant di Luigi Gubitosi, direttore generale della Rai, il quale ha sottolineato che è stato bandito un concorso per giornalisti Rai “dopo ben 20 anni” dal precedente, a testimonianza dell’impegno dell’azienda in questa fase in tema di accesso alla professione giornalistica. Bastia Umbra  – ha aggiunto – perché è l’unico posto che poteva contenere 5 mila persone. Peraltro noi siamo obbligati a fare una gara, e ha vinto l’Umbria. A Roma non c’e’ una struttura che può prendere 5mila persone”.  
L’Usigrai, che non ha preso una posizione ufficiale con una nota, si è fatta viva con una dichiarazione del segretario Vittorio di Trapani alle agenzie di stampa: “Pur consapevole del parziale disagio creato ai candidati per la logistica e il preavviso di venti giorni comunque determinato dalla natura giuridica della Rai, che la costringe anche per queste cose a fare bandi di gara – ha detto – non vorrei che si perdesse di vista la vera notizia: la selezione pubblica per l’accesso in Rai che parte in un mercato editoriale asfittico in cui sono all’ordine del giorno prepensionamenti, cassaintegrazioni e licenziamenti”.
Ma  Enzo Iacopino non ci sta e in una controreplica dice: “Non accetto questa logica: se non applaudi sei un nemico, se non condividi sei un “ignorante”, se chiedi spiegazioni sei un “demagogo””.
Ed elenca 10 punti per fare chiarezza e fornire elementi di verità: 1) l’Odg è favorevole al concorso per l’assunzione dei giornalisti Rai. Senza se e senza ma. È una strada che dovrebbe essere l’unica.  2) l’Odg ha collaborato al bando di selezione chiedendo fosse prorogato il termine di presentazione delle domande di ammissione perché c’erano dei colleghi  che avevano superato gli esami scritti e stavano concludendo gli esami orali nell’aprile 2014; 3) l’Odg è stato tenuto all’oscuro di ogni cosa in questi 13 mesi, nonostante ripetute richieste, ed ha appreso il 9 giugno mattina dell’invio delle convocazioni; 4) l’Odg, negli ultimi giorni di maggio avendo raccolto una voce che riguardava Bastia Umbra, ha cercato una conferma, ma ha avuto da un dipendente Rai una smentita; 5) l’Odg ha saputo solo il 9 giugno che, invece, la sede era proprio quella; 6) l’Odg ritiene assolutamente corretto che per scegliere la sede del concorso sia stata fatta una gara.; 7) l’Odg non riesce, invece, a trovare normale che nella predisposizione del bando di gara non siano state inserite, ed era legalmente possibile farlo, richieste atte a garantire una non problematica accessibilità e una disponibilità alberghiera adeguata a una potenziale richiesta di 4.982 colleghi; 8) l’Odg ha da giorni chiarito la sua convinzione che la scelta di Bastia nasce da insipienza e nessun collegamento risulta possibile, in atti e non si capisce come potrebbe essere altrimenti, con la vicina scuola di giornalismo; 9) l’Odg ritiene che la comunicazione della data con 20 giorni di preavviso dimostri un disprezzo profondo per i problemi dei colleghi. Problemi logistici, economici  e professionali; 10) l’Odg non solo ha fiducia in tutti i membri della commissione, ma ritiene che tutti, singolarmente, meritino il rispetto dei partecipanti alla selezione.
Lo stesso Iacopino ha poi reso noto su Facebook un documento firmato da quattro consiglieri nazionali dell’Ordine dipendenti Rai che chiedono le sue dimissioni. E’  seguito un ulteriore intervento sul sito di Articolo 21 che aveva ospitato un attacco al presidente dell’Ordine.
Fin qui le polemiche verbali. Se non ci saranno sviluppi, ora non resta che attendere il primo luglio per verificare se molti dei possibili convocati rinunceranno a questa opportunità e se Bastia riuscirà a fronteggiare l’arrivo di migliaia di candidati.

 

Fin da ora si può notare come contro Iacopino si sia alzato un fuoco di sbarramento spesso da parte di chi all’interno della tradizionale maggioranza sindacale e a diverso titolo ha legittimato quando non causato il declino della professione e la perdita di migliaia di posti di lavoro con la liberalizzazione degli stati di crisi e con la firma di due disastrosi contratti di lavoro. Torna alla mente la classica parabola evangelica della pagliuzza e della trave.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattordici + 9 =