INPGI, PASSA LA RIFORMA PREVIDENZIALE CHE TAGLIA LE PENSIONI. IL NO DI INPGI FUTURO

La riforma della previdenza dei giornalisti è stata approvata dal Consiglio di amministrazione dell’Inpgi. Hanno votato contro Carlo Chianura e Silvana Mazzocchi, eletti con Inpgi Futuro. Significativa l’assenza del consigliere triestino Roberto Carella.

A favore hanno votato gli altri 8 consiglieri presenti: Andrea Camporese, Paolo Serventi Longhi, Raffaele Lorusso, Silvia Garambois, Marina Macelloni, Giuseppe Marzano, Edmondo Rho e Claudio Scarinzi. Pur non avendo diritto al voto, ha dato il suo completo appoggio alla riforma il rappresentante di Inpgi 2 Massimo Marciano.
Significativa e a sorpresa l’astensione della rappresentante del ministero del Lavoro, la professoressa Fiorella Kostoris Padoa Schioppa. Ha votato a favore anche il rappresentante della Presidenza del Consiglio. Assenti polemicamente i rappresentanti della Federazione degli editori, il cui presidente Maurizio Costa ha inviato al presidente Camporese una lettera in cui annuncia che non esprimerà un parere in aperto disaccordo con alcune delle misure contenute nella riforma.
Questa riforma sarà ricordata per una serie di decisioni indispensabili a una categoria che attraversa una crisi senza precedenti, ma anche per il prelievo forzoso delle pensioni in essere, misura in passato adottata dalla Cassa dei commercialisti e bocciata dalla Corte di Cassazione.
Con questa motivazione, espressa nei giorni scorsi per scritto anche da Carella, hanno dato voto contrario Chianura e Mazzocchi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


nove − 9 =