INPGI, IL CASO DELLE VILLETTE DI RENDE: ECCO PERCHE’ L’ISTITUTO RISCHIA 540.000 EURO

La risposta odierna della direttrice generale Inpgi conferma sostanzialmente tutto quanto riportato nell’articolo intitolato “Inpgi, milioni di euro persi in due vicende immobiliari. Inpgi Futuro chiede chiarezza”. Partiamo dal complesso immobiliare nella provincia di Cosenza.

Puntoeacapo è incappato effettivamente in un lapsus (il nome esatto della società che ha rilasciato all’Inpgi una polizza fidejussoria di 500 mila euro a garanzia della caparra confirmatoria sulla vendita del complesso di Rende è infatti il “Consorzio Garanzia Fidi Confidi Centrale”, fallita il 7 gennaio 2015, e non il Consorzio Confidimpresa S.c.p.a. di Roma, fallito nel 2013) che non sposta, però, di una virgola il contenuto della nota perchè il recupero di questa notevole somma sarà praticamente quasi impossibile.

Per quanto riguarda il vasto complesso immobiliare a Rende (Cosenza), località Canalette, via Alessandro Manzoni 160, costituito da 21 villini su 3 livelli di circa 200 mq. coperti l’uno con giardino e posto auto, acquistato dall’Inpgi 1 alla fine degli Anni Ottanta, va ricordato che intorno al 2000 fu interamente ristrutturato con un notevole esborso di circa 500 mila euro anche per rispettare scrupolosamente la normativa antisismica vigente in quella zona della Calabria.

Con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 51 del 24/6/2011 l’Inpgi 1 decise di vendere l’intero complesso alla società “La.Tre.D. Immobiliare” Srl con sede in Roma via dei Castani 251 e/o a persona da nominare per il prezzo di 3 milioni 300 mila euro oltre oneri fiscali di legge.

Il rogito notarile definitivo di compravendita doveva essere stipulato entro 1 anno dalla firma del preliminare. A titolo di caparra confirmatoria del preliminare di vendita la società promissaria acquirente “La.Tre.D. Immobiliare” Srl di Roma si impegnò a offrire una garanzia fidejussoria a prima richiesta di 500 mila euro da prodursi al momento della sottoscrizione dell’atto preliminare. Tale caparra poteva essere incamerata dall’Inpgi qualora la società non avesse stipulato il contratto definitivo di compravendita entro un anno dal preliminare.

Ciò si legge in fondo a pagina 2 della nota informativa di due dirigenti Inpgi, l’avvocato Pietro Manetta e l’ingegner Francesco Imbimbo, per il Consiglio di amministrazione Inpgi del 24 giugno 2011 allegata alla delibera del CdA numero 51 in pari data.

Con la stessa delibera 2011 fu poi riconosciuta all’agente immobiliare Leonardo Oriolo di Amendolata (Cosenza) una provvigione pari all’1% oltre Iva del prezzo pattuito per il trasferimento. In pratica, circa 40 mila euro.

Il 20 luglio 2011 fu quindi stipulato il contratto preliminare di compravendita a rogito del notaio Elena Perone Pacifico che prevedeva la stipula dell’atto definitivo di compravendita entro il 6 luglio 2012.

Ora fermiamoci un attimo. Ma non appare un po’ strano che una garanzia fidejussoria a prima richiesta di mezzo milione di euro non venga poi puntualmente onorata? Potrebbe l’Inpgi mostrare la copia di questa garanzia fidejussoria del 2011, nonchè la copia del preliminare di compravendita stipulato il 20 luglio 2011 dal notaio Perone Pacifico?

E non sarebbe altrettanto opportuno che l’Inpgi mostrasse anche la copia integrale del documento rilasciato in favore dell’Istituto dal Consorzio Garanzia Fidi Confidi Centrale (poi fallito il 7 gennaio 2015)? Quando fu consegnato all’ente? Nel 2011? O forse in epoca successiva? E, in tal caso, da chi fu autorizzato tale rilascio, visto che in nessuna delibera del CdA Inpgi è stata mai indicata tale possibilità? E chi all’Inpgi ha accettato una simile polizza senza prima accertarsi presso la Banca d’Italia della solidità economico-finanziaria del Consorzio Garanzia Fidi Confidi Centrale?

Nella sua risposta la direttrice generale Inpgi Iorio afferma che “la vicenda della Tre D Immobiliare Srl era sicuramente a conoscenza del Consiglio di amministrazione dell’Inpgi, in quanto fu proprio il suddetto Consiglio a deliberare il 24 giugno 2011, l’operazione di compravendita con relativo preliminare. Le successive vicende giudiziarie hanno seguito il normale iter autorizzativo interno previsto per l’affidamento ad un legale del mandato ad agire innanzi il Tribunale di Roma”.

Ma la dottoressa Iorio ha dimenticato di ricordare che, su richiesta della società “La.Tre.D. Immobiliare” Srl, il presidente Inpgi Andrea Camporese con propria delibera numero 240 del 26 giugno 2012 concesse in via del tutto eccezionale la proroga della stipula del rogito definitivo di compravendita al 15 maggio 2013 dietro consegna all’Inpgi di un’ulteriore fidejussione a garanzia della caparra confirmatoria di 500 mila euro. Tale delibera presidenziale fu poi ratificata dal CdA Inpgi con delibera numero 83 del 12 luglio 2012.
 
La dottoressa Iorio afferma poi che l’Inpgi decise lo scorso ottobre 2014 di escutere la garanzia. Ma perchè si è aspettato un anno e mezzo dal 15 maggio 2013? E chi ha autorizzato questo ulteriore rinvio, che di fatto ha causato un grave danno all’Inpgi visto che il 7 gennaio 2015 il Consorzio Garanzia Fidi Confidi Centrale è fallito?

***

In conclusione, l’Inpgi 1 da questa mancata compravendita, oltre a non essere sinora riuscito ad incassare a titolo di penale la caparra di 500 mila euro, ha dovuto anche pagare circa 40 mila euro (Iva compresa) all’agente immobiliare Leonardo Oriolo a titolo di mediazione.

Insomma, un danno per l’ente di 540 mila euro senza che gli Uffici Inpgi ne avessero tempestivamente informato, come avrebbero dovuto, tutti gli amministratori e i sindaci.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciassette − sei =