INPGI, IL CASO DI LARGO LORIA A ROMA, QUEL CREDITO DA 2,5 MILIONI E UNA FIDEIUSSIONE INUTILE

La direttrice generale Inpgi liquida con poche righe una vicenda melmosa, quella di Largo Loria a Roma, nella quale invece emergono possibili risvolti di natura penale nei confronti di amministratori, dirigenti, funzionari e dipendenti del Comune di Roma Capitale che hanno per anni sperperato un’enorme quantità – circa 50 milioni di euro – di denaro pubblico dei contribuenti romani.

Il grande edificio di proprietà dell’Inpgi 1 di 11 piani destinato a uffici con sala mensa e adiacente vasto garage da 75-80 auto a Roma, in Largo Lamberto Loria 3 (si tratta del palazzo di maggiori dimensioni posseduto dall’Istituto previdenziale in Italia) fu affittato dal presidente Inpgi Gabriele Cescutti nel 2006 per la durata di 18 anni alla società Milano ’90 facente capo all’immobiliarista Sergio Scarpellini (personaggio ben noto alle cronache) al canone annuo di 2 milioni 100 mila euro con aumento di 100 mila euro dal 1° gennaio 2015.

L’articolo 15 del contratto registrato all’Agenzia delle Entrate di Roma 3 il 31 gennaio 2006 numero 488 prevedeva espressamente che la società Milano ’90 consegnasse all’Inpgi 1 entro 10 giorni una fidejussione bancaria a prima richiesta in favore dell’Istituto, dell’importo di 2 milioni 100 mila euro – aggiornati via via nel tempo in base ai nuovi canoni di locazione – in modo da garantire l’ente al 100%.
Contestualmente la società Milano ’90 chiese e ottenne dall’Inpgi 1 l’autorizzazione al subaffitto.

Un reportage di Gianmarco Chiocci mette in luce la vicenda il 16 giugno 2007 con una intera pagina su “il Giornale” di Milano. L’articolo è intitolato: “Veltroni spende 170 milioni per un affitto a vuoto. Il sindaco di Roma ha firmato richieste di locazione fino al 2025 dopo aver progettato una nuova sede per spostare gli uffici comunali entro il 2011. Per realizzare il faraonico Campidoglio 2 non è bastata la vendita di quattro immobili”. Si venne così a sapere che il vero inquilino in subaffitto era il Comune di Roma. All’epoca ricopriva la carica di Sindaco Walter Veltroni.

Il Comune di Roma Capitale destinò il palazzo di Largo Loria a sede delle Commissioni del Consiglio comunale e dei gruppi capitolini, pagando un canone stratosferico: addirittura 9.519.645,77 euro, cioè nientepopodimeno che 7 milioni 300 mila euro annui in più rispetto al canone corrisposto dalla società Milano ’90 all’Inpgi 1. Pertanto la società Milano ’90 beneficiò di un surplus di ben 50 milioni di euro in soli 7 anni!

E’ anche emerso che per l’affitto del grande garage peraltro rimasto praticamente vuoto a piano terra dell’adiacente palazzo Inpgi di via Chini il Comune di Roma Capitale abbia pagato ogni anno alla Milano ’90 addirittura 750-800 mila euro circa, pari ad una media di 10 mila euro per ognuna delle auto dei dipendenti comunali che potevano esservi parcheggiate.
 
Il 19 ottobre 2012 andò in onda su “Striscia la notizia” Canale 5 Mediaset un servizio scandalistico per gli 800 mila euro annui che il Comune di Roma avrebbe pagato per l’affitto di 80 posti auto nel garage di proprietà Inpgi nelle immagini semivuoto.

Nell’occasione fu anche intervistato l’assessore Alessandro Vannini (delegato ai Parcheggi dal Sindaco Gianni Alemanno), che annunciò che il Comune avrebbe rilasciato questo garage entro dicembre, essendo pazzesco pagare per l’affitto di un garage 10 mila euro l’anno per ogni vettura.

Il 21 ottobre 2012 fu informato il presidente Inpgi Andrea Camporese che la società Milano ’90 aveva subaffittato al Comune di Roma il palazzo di Largo Loria a un canone circa 5 volte superiore a quello che incassava all’anno l’Inpgi e che lo scandalo del superaffitto pagato dal Comune di Roma alla società di Scarpellini era stato denunciato non solo da “Il Giornale”, ma anche durante una trasmissione Rai di Michele Santoro.

Si profilava quindi il serio rischio che il Comune rilasciasse oltre al garage anche l’intero stabile di Largo Loria, come, purtroppo, si è poi puntualmente avverato.

Infatti, a seguito di controlli contabili da parte di alcuni consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle, il contratto di subaffitto tra la Milano ’90 e il Comune di Roma è stato rescisso anticipatamente dalla Giunta capitolina in base ad una norma inserita nel “Decreto del Fare”, che consente agli enti locali la rescissione dai contratti di affitto anche in deroga a quanto fissato dagli stessi.

L’immobile è stato così rilasciato dal Comune e l’Inpgi 1 è rimasto oggi creditore di circa 2,5 milioni di euro di affitti arretrati e non pagati dalla società Milano ’90. Il delicato argomento non è stato mai portato all’esame del CdA Inpgi, ma se ne è parlato solo di sfuggita in Commissione Alloggi a fine maggio di quest’anno.

***

Resta, però, un mistero che l’Inpgi dovrebbe chiarire al più presto per sgombrare il campo da ogni possibile equivoco: come è possibile che la società Milano ’90 abbia potuto accumulare un debito di 2,5 milioni di euro quando l’Inpgi doveva avere in mano – come previsto nell’originario contratto firmato da Gabriele Cescutti –  una fidejussione bancaria a prima richiesta in favore dell’Istituto dell’importo di 2 milioni 100 mila euro – aggiornati via via nel tempo dal 2007 in poi in base ai nuovi canoni di locazione?

Girano voci non confermate che la fidejussione bancaria a prima richiesta sarebbe stata nel tempo sostituita da una polizza di una società irlandese che, però, non garantirebbe affatto l’Istituto. Che c’è di vero in tutto questo? Si attende una risposta.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciassette + 14 =