CASAMONICA A PORTA A PORTA, SAPETE CHE VESPA NON PAGA I CONTRIBUTI COME GIORNALISTA?

di Luciano Borghesan *

Ho inviato oggi al presidente dell’Inpgi Andrea Camporese una lettera sul caso Vespa-Casamonica. Ecco perché.

Allegando una breve sintesi di dichiarazioni e commenti sulla vicenda, gli ho chiesto di attivare gli studi legali sul come riprendere la causa verso il lavoro svolto dal collega Bruno Vespa presso Rai-Porta a porta a fini della contribuzione in favore dell’Inpgi.
Come membro della Commissione vigilanza e contributi, in passato, ho appreso che il nostro Istituto aveva perso la vertenza giudiziaria sul recupero di contributi non versati da Vespa: la sentenza ci era stata avversa perché aveva riconosciuto la versione del conduttore di Porta a porta e cioè che lui in Rai non svolge  attività giornalistica.
Se è così, mi pare che i recentissimi fatti evidenzino una realtà inoppugnabile e dunque da ben rappresentare alla magistratura perché riconosca la legittimità delle richieste dell’Inpgi.
Ho inviato questa mia richiesta anche alla direttrice generale dell’istituto Mimma Iorio, ai membri della Commissione vigilanza e contributi e all’ufficio preposto coordinato dal dottor Fabio Soffientini.
Ecco l’antologia di dichiarazioni che ho allegato a Camporese.

“Bruno Vespa è un bravo giornalista che ieri, come sempre, ha fatto il proprio mestiere: dare notizie ai telespettatori. Roma è stata ridicolizzata da Marino e dal Partito democratico, non certo da una trasmissione televisiva», ha affermato Renato Brunetta, capogruppo di Fi alla Camera.

“Credevo che l’attività giornalistica fosse quella di far conoscere le molteplici facce della realtà e i protagonisti di essa, anche quelli più negativi e repellenti. Non mi sembra proprio che Vespa abbia fatto un’intervista in ginocchio: tutt’altro! E allora che male c’è?”, ha dichiarato l’on. Fabrizio Cicchitto, Ncd.

Ed è anche opinione diffusa tra il pubblico su quale lavoro svolge Bruno Vespa, ecco alcuni commenti apparsi sul sito del Sole 24 Ore:
 Da secoli sopporto Vespa. Intendiamoci, la colpa me la prendo io. Sono disposto a riconoscergli la qualifica di “giornalista di eterno corso”. Purché questa eternità finisca. Essendo un suo datore di lavoro, visto che pago le tasse alla Rai da 60 anni, esigo che lo mandino in pensione o, in alternativa, a fare l’inviato di guerra nelle zone dove opera l’Isis.
giba34, 09-09-2015 18:16:41
E’ vergognoso, che un giornalista invece di fare approfondimento giornalistico (cosi si chiama una trasmissione del genere), fa APOLOGIA dei Casamonica. E’ semplicemente inaccettabile che si continui a pagarlo profumatamente con i nostri soldi del canone!
benfin 09-09-2015 17:51:24
Considerata tutta la storia del giornalista, soprattutto dal 1992, non c’è proprio nulla da meravigliarsi. Fra non molto ne uscirà un libro…..
gi.caccia 09-09-2015 17:53:36

Infine lo stesso Vespa ammette l’essenza del lavoro che svolge quando chiede rispetto per il diritto-dovere di un giornalista
«Lasciateci fare il nostro mestiere» ha detto Bruno Vespa a Porta a Porta rispondendo all’assessore capitolino Alfonso Sabella
E ancora: “Sono nato professionalmente alla Rai. A mio parere abbiamo trattato questa vicenda con lo stile e i toni da servizio pubblico. Con i colleghi giornalisti Cusenza e Sarzanini abbiamo fatto agli ospiti tutte le domande, dal funerale show all’ostentazione di potenza fino ai reati dei loro parenti. Che altro gli dovevo dire?”
* Vicepresidente della commissione Contributi e vigilanza Inpgi, esponente di Inpgi Futuro

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


due × 5 =