INPGI, TE LA DO IO LA SOLIDARIETA’: CONTRO IL PRELIEVO FORZOSO DONAZIONI PER IL TERZO MONDO

Se solidarietà deve essere, sia spontanea e soprattutto vera. In risposta al prelievo forzoso deciso dalla riforma previdenziale Inpgi, gli oltre 150 giornalisti che hanno firmato una lettera aperta al presidente Inpgi lanciano una iniziativa destinata a far discutere: noi giornalisti pensionati e attivi verseremo un contributo a una onlus che opera nel Terzo Mondo.

Ecco il testo del nuovo documento inviato agli organi di stampa dal gruppo di giornalisti. Ricordiamo anche che, nel corso dell’ultimo Cda, su richiesta del consigliere di Inpgi Futuro Carlo Chianura, il presidente Andrea Camporese ha annunciato che risponderà alla lettera sulla riforma.

“L’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti ha deliberato un taglio sulle pensioni e l’ha chiamato “solidarietà”.  Cercando di dimostrare che gli interessi degli anziani sono in contrapposizione  con quelli dei giovani, per ammantare la manovra di una connotazione etica. Ma le giornaliste e i giornalisti, in pensione e in attività, che da due mesi si battono strenuamente per dire un fermo no alla Riforma dell’Inpgi, così come è stata approvata, non accettano lezioni di morale. Né dal presidente Andrea Camporese, né da quei membri del  Cda che lo hanno fiancheggiato.

Camporese ed i suoi accoliti sappiano che non inganna nessuno la solidarietà pelosa di chi persegue un proprio interesse (il voto dei giovani?) mettendo le mani nelle tasche dei pensionati. Per noi Solidarietà con le giovani  generazioni è batterci per un diritto che se sarà violato una prima volta, sarà violato per sempre. A danno delle pensioni di oggi e di quelle di domani. Che subiscono l’assalto degli Istituti di Previdenza, con l’Inpgi schierato come testa di ponte.

Chiudiamo dunque questo appello lanciando una campagna di Solidarietà tra generazioni. Una Solidarietà autentica, a vantaggio di una Onlus in cui sono impegnati alcuni dei nostri figli. La ComeNoi Onlus ha iniziato ad occuparsi di terzo mondo, e in particolare dell’India, oltre 40 anni fa. Ha dei progetti realizzati ed in corso di realizzazione  in Asia, Africa, America Latina ed Europa. A Torino si cerca di facilitare l’integrazione delle donne immigrate da Paesi nordafricani di cultura islamica attraverso corsi di lingua italiana e percorsi di educazione alla cittadinanza.

Ma l’aspetto che più ci ha colpito di questa Onlus è il carattere che si è dato come «gruppo di famiglie». I padri partecipano ai progetti con i figli ed i figli ora – ragazzi che hanno esordito nel volontariato in giovanissima età – stanno allestendo con le sole loro forze, un progetto, “Karibu ndugu” (benvenuto fratello, in swahili),  volto a raccogliere fondi per la realizzazione di una scuola in Kenya.

Chiunque voglia unirsi al nostro NO, schierandosi a difesa di un diritto collettivo, lo faccia simbolicamente con una donazione intestata a “Comenoi Onlus”, causale: “Progetto Karibu”.

CONTO POSTALE
Su bollettino:  c/c  n. 29696101Per versamento online e da sportello, IBAN:  IT26 E 07601 01000 000029696101 CONTO BANCARIO
Online o da sportello: Unicredit Banca,   IBAN: IT20 S 02008 01107 000003911699″

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


undici + sei =