PUNTOEACAPO TUTELA, CONVENZIONE CON L’AVVOCATO LAMACCHIA PER I GIORNALISTI DI TORINO E PIEMONTE

Nuova, prestigiosa convenzione di “Puntoeacapo Tutela”. L’avvocato Roberto Lamacchia ha accettato di seguire alle condizioni già applicate a Roma e a Milano non solo le vertenze di lavoro e previdenziali, ma anche quelle su materia penale e civile, per i giornalisti di Torino e del Piemonte.

Dal 1975 Lamacchia svolge la professione di avvocato a Torino e si occupa principalmente di diritto del lavoro e di diritto penale del lavoro, sempre dalla parte dei lavoratori, oltre che di processi penali in tema di repressione del dissenso.
Tra gli altri processi, oltre a cause di lavoro a tutela dei lavoratori, si è occupato quale difensore di parte civile (operai Fiat) del processo per falso in bilancio contro Cesare Romiti, del processo per il rogo della Thyssen Krupp e di quello per il disastro da esposizione all’amianto nei confronti di Eternit.
Lamacchia è altresì presidente dell’Associazione Nazionale Giuristi Democratici, che ha contribuito a fondare e che si batte per la difesa dei diritti dei cittadini, soprattutto di quelli meno abbienti.

In sintesi lo studio Lamacchia è in grado di assistere i giornalisti torinesi e piemontesi sulle cause di lavoro, su quelle penali e civili per diffamazione e – novità assoluta nel panorama giornalistico italiano – anche in quelle cause in cui il giornalista risulta imputato per reati diversi, ad esempio dalla violazione del segreto d’ufficio per la pubblicazione di notizie ancora riservate al falso. E’ un rafforzamento delle possibili tutele offerte anche ad altri settori del penale,  legati allo svolgimento della professione, ma non necessariamente.
Proprio allo studio Lamacchia, in base alla nostra convenzione, si sono rivolti in questi giorni decine di pensionati che si stanno opponendo al prelievo forzoso sulle pensioni. Pur essendo queste convenzioni riservate agli iscritti a Puntoeacapo, l’esecutivo ha deciso eccezionalmente di estendere le tutele a prescindere dalla iscrizione. Numerosi sono comunque i giornalisti impegnati in questa battaglia che spontaneamente si stanno iscrivendo alla nostra associazione.
 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


17 + dodici =