INPGI AFFAMATA DI INVESTIMENTI REDDITIZI,LA CHANCE DELLE QUOTE BANKITALIA GIA’ ACQUISTATE DA 5 CASSE

di Gianni Dragoni

Cinque grandi enti di previdenza italiani hanno avviato nei giorni scorsi le procedure per comprare quote del capitale della Banca d’Italia, in totale il 9,76%, messe in vendita dalle due maggiori banche italiane, Intesa Sanpaolo e Unicredit, più le assicurazioni Generali.

A manifestare interesse, e secondo la stampa avrebbero anche firmato i contratti preliminari di acquisto, sono la Fondazione Enpam (medici), Inarcassa (architetti e ingegneri), Cassa forense (avvocati), Enpaia (agricoltura), Cassa ragionieri. Non c’è l’Inpgi, ma l’operazione merita anche l’attenzione dell’Istituto dei giornalisti. Vediamo perché.

Le principali banche e altri soci (“partecipanti”, secondo la legge) della Banca d’Italia devono vendere le proprie quote eccedenti il 3% del capitale entro la fine del 2016. Lo prevede il decreto legge del novembre 2013 (governo Letta) che ha rivalutato a 7,5 miliardi il capitale totale della Banca d’Italia, rispetto agli appena 156mila euro fissati nel 1936. Allora molti parlarono di regalo alle banche, non a torto. Perché, improvvisamente, delle quote di partecipazione ingessate, alle quali era difficile attribuire un valore in quanto non esisteva un mercato, beneficiarono di una consistente rivalutazione e fu stabilito un meccanismo per arrivare alla vendita.
La stessa legge ha stabilito che ogni anno il dividendo pagato dalla Banca d’Italia con i propri utili ai “signori partecipanti” non potrà superare il 6% del capitale rivalutato, vale a dire un dividendo massimo di 450 milioni di euro all’anno. Ma fino ad allora veniva pagato un dividendo molto più basso, ad esempio 70 milioni con il bilancio 2012, l’ultimo prima della rivalutazione del capitale. Quello che in apparenza si presentava come un tetto ai rendimenti delle quote di capitale, in realtà ha dato luogo a un forte aumento delle cedole: infatti la Banca d’Italia con il bilancio 2013 ha distribuito 380 milioni di dividendi (pari al 5% del capitale rivalutato) e con l’ultimo bilancio, relativo al 2014, nel maggio scorso ha distribuito 340 milioni (pari al 4,5% del capitale). Questo è stato fatto per rendere più appetibili le quote che i partecipanti sono obbligati a vendere.

Nel “non mercato” delle quote di Banca d’Italia nulla si è mosso fino a poche settimane fa. Adesso è partito il primo giro di compravendite. Le quote verranno vendute ai cinque grandi enti di previdenza sopra ricordati al valore nominale, cioè al valore corrispondente alla percentuale in rapporto ai 7,5 miliardi del capitale totale. Ogni 1% del capitale vale 75 milioni.
L’acquisto delle quote rappresenta un investimento piuttosto sicuro e redditizio. Non solo adesso che i tassi d’interesse sono vicini allo zero. Il dividendo che la Banca d’Italia ha pagato da quando c’è stata la rivalutazione del capitale è pari al 4,5-5% del capitale e in maggio il governatore, Ignazio Visco, si è impegnato a confermare anche nei prossimi anni un rendimento in questa forchetta, tra i 340 e i 380 milioni. E c’è spazio per aumentare la cedola fino a 450 milioni, il limite del 6% posto dalla legge. Solo se l’inflazione riesplodesse e i tassi d’interesse salissero oltre il 4-5% questo rendimento non sarebbe più competitivo.
I soci principali della Banca d’Italia dovranno vendere altre quote, dopo il 9,76% già oggetto di accordi preliminari. Basta pensare che il gruppo Intesa Sanpaolo, prima di questa cessione, possedeva il 42,4% e quindi andrà al 36,7% del capitale, mentre il gruppo Unicredit scenderà dal 22 al 18,8 per cento.
L’Inpgi ha già valutato questa opportunità? L’Istituto è stato interpellato dalle cinque casse di previdenza che si sono già mosse? Perché l’Inpgi non si attiva per comprare quote di Banca d’Italia? Lo segnaliamo come investimento sicuro, redditizio e trasparente. E su cui certamente non si addenserebbero nubi come quelle viste e subite con le (tristemente) famose quote Fip acquistate nella controversa “operazione Sopaf”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattordici − quattordici =