INPGI, SERVE LIQUIDITA’ PER PAGARE LE PRESTAZIONI. CAMBIA IL MODELLO DI INVESTIMENTO DELL’ISTITUTO

Per far fronte alla crisi di liquidità, dovuta allo squilibrio previdenziale causato dai massicci pensionamenti e prepensionamenti oltre che dal ricorso agli ammortizzatori sociali, l’Inpgi cambia il modello di investimnenti finanziari. In futuro si privilegeranno quelli in titoli obbligazionari più facilmente monetizzabili, eliminando gradualmente quelli in titoli azionari e riducendo gli altri attualmente in portafoglio, come ad esempio quelli monetari.
E’ una delle decisioni assunte questa mattina dal consiglio di amministrazione dell’Inpgi, giunto a conclusione di un lavoro preparatorio durante il quale era arrivato anche l’assenso della commissione Bilancio.
Prima e durante il dibattito, il consigliere di Inpgi Futuro Carlo Chianura, portavoce di Puntoeacapo, è intervenuto per fare presenti i dubbi sulla possibilità che il progetto di nuova asset allocation (il modo in cui si organizza il proprio portafogli) possa avere esiti soddisfacenti. La fase critica sarà quella dei prossimi 3-4 anni. Puntare su titoli governativi di area euro in questo periodo di tassi molto bassi, come suggerisce Mangusta Risk (l’analista del rischio per l’Inpgi), riduce certamente i rischi ma anche i guadagni.
Una ulteriore considerazione ovvia ma non scontata è che particolare attenzione dovrà essere posta sulle scelte e sul processo decisionale che porterà all’attuazione del piano.
Il passaggio al nuovo modello denominato LDI (Liability Driven Investment) può tuttavia essere positivo, a patto che siano chiari almeno alcuni indicatori generali.
Proviamo a segnalarne alcuni, non necessariamente esaustivi.
•    Quanto costa il contratto di hedging (si paga un premio annuo per tutta la durata del contratto)?
•    Quali sono le società finanziarie e quanto costeranno nel periodo di applicazione del piano di LDI?
•    Quale è il contributo che la struttura dell’Ente è in grado di offrire nell’esecuzione di questa operazione ovvero tutto verrà “appaltato” all’esterno?
Occorre analizzare con estrema attenzione quali sono i risultati attesi dagli investimenti nel periodo, per configurare correttamente le “garanzie dell’Hedge Fund”. Le simulazioni avvengono tramite la calibrazione di opportuni indici di mercato atti a coprire l’intero universo investibile con particolare attenzione ai benchmark (gli indici medi di rendimento) già presenti nel portafoglio di partenza. In questo modo è possibile studiare le caratteristiche statistiche del portafoglio e ottimizzare l’asset.
La procedura proposta, assolutamente di competenza di professionisti terzi sia rispetto all’investitore che al gestore degli investimenti, sembra in definitiva una via d’uscita politica rispetto a una stagione che ha visto l’Inpgi fortemente penalizzato dalla crisi del settore e dalla sua gestione sociale.
Chianura ha poi citato l’esempio di altri enti che hanno per tempo intrapreso una simile strada investendo in strumenti sicuri e redditizi: a tale proposito sono stati segnalati i recenti investimenti nel capitale di Banca d’Italia da parte di alcuni enti pensionistici. Su questo punto è intervenuto il presidente dell’Inpgi Camporese, secondo il quale questo tipo di investimento, ottimo quanto a rendimenti, non offre all’istituto la possibilità di utilizzare le proprie risorse in direzione della massima liquidità, oggi indispensabile per il pagamento delle prestazioni.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


4 × due =