VENDITA DELLE CASE INPGI, LINEE GUIDA NEL SEGNO DELLE TUTELE SOCIALI E DEL CONTRASTO A SPECULAZIONI

di Carlo Chianura *

Inpgi ridurrà progressivamente dal 73 per cento di oggi al 30 per cento del 2023 la propria quota patrimoniale in beni immobili e illiquidi. Un’opera di dismissione in larga parte imposta da un imminente decreto del ministero dell’Economia. Le linee guida (e non il piano in sé per sé, che sarà appannaggio del prossimo Cda) sono state stabilite oggi dal consiglio di amministrazione dell’Inpgi. Vediamo quali sono le novità più interessanti.

La decisione preliminare è stata quella di conferire incarico alla InvestiRe, società che gestisce il fondo Giovanni Amendola (per gli smemorati: proprietà al 100 per cento dell’istituto), l’incarico di predisporre un piano dettagliato di dismissioni. Questa decisione, su cui l’ultima parola spetterà al prossimo Cda, ha il valore di ridurre di alcuni mesi il cammino verso la vendita dei primi alloggi. Si ricorda che, in base a una gara europea vinta dalla Sgr, è stato sottoscritto nel 2013 un contratto finalizzato alla gestione, valorizzazione e dismissione del nostro patrimonio immobiliare.
Era necessario a questo punto che l’attuale Cda indicasse alcune linee guida, dedicate soprattutto alla tutela sociale degli attuali inquilini e futuri proprietari.
Su questo Inpgi Futuro ha dato il proprio contributo in tema soprattutto di garanzie oltre che di necessità di evitare abusi o fenomeni speculativi.
Il primo punto, fondamentale, è che si tratterà di vendite frazionate e non a blocco: eliminato sul nascere il rischio che ci possano essere vendite (o svendite) di intere quote del nostro patrimonio immobiliare ad altri enti o fondi più o meno speculativi.
Poi si procederà con dismissioni a tranche, in modo da non saturare il mercato e avere di conseguenza un maggiore controllo dell’intero processo di vendita.
Seguono le linee guida riguardanti le agevolazioni. Prevedono convenzioni con le banche, con i notai, interventi di manutenzione straordinaria per valorizzare i beni in vendita.
Le linee guida sugli aventi diritto sono molto chiare e nello stesso tempo puntano a evitare abusi. Le agevolazioni (a partire dalla scontistica, tema che farà parte del business plan) possono essere estese fino ai familiari di terzo grado (zii, nipoti…), ai coniugi, ai conviventi more uxorio, e non fino al quarto grado (prozii, pronipoti, cugini) o addirittura a favore di soggetti terzi come hanno scelto di fare nel recente passato alcuni altri enti. Sarà previsto il divieto di rivendita dell’immobile prima dei 5 anni, pena la perdita delle agevolazioni.
Per chi non può o non vuole acquistare si prevedono ampie tutele, a partire dal rinnovo del canone 5+3 fino a una quota di reddito adeguata. Il rinnovo analogo sarà concesso senza limiti di reddito a inquilini di 67 e più anni e alle famiglie con in casa un disabile grave, come avvenuto in altre vendite similari.
In definitiva è stato avviato un processo cui l’istituto sarà comunque tenuto in forza di un decreto e che sarebbe stato promosso in ogni caso, considerate le note difficoltà finanziarie dell’istituto che richiedono una profonda ristrutturazione del proprio patrimonio.

* Cda Inpgi

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


due + 2 =