INPGI, NATTINO E IL MATTONE: LA FIERA DEI SOSPETTI SGANGHERATI

di Alessandra Spitz *

I cronisti giudiziari scrivono e subito i sospetti e le insinuazioni dei colleghi volano, mischiando fatti e persone, senza badare più di tanto alla precisione e alla sostanza degli avvenimenti.

E’ successo di nuovo con la pubblicazione in questi giorni della notizia del sequestro di documenti presso la Banca Finnat, in seguito a una indagine del Vaticano sul presidente della Banca, Giampietro Nattino, che ipotizza «eventuale riciclaggio di denaro, insider trading e manipolazione del mercato» tramite un conto intestato a Nattino presso l’Apsa (l’Amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica che gestisce il patrimonio immobiliare della Santa sede).

Alcuni colleghi sono arrivati ad accusare anche l’opposizione interna all’Inpgi di non avere mosso un dito rispetto alla creazione del Fondo immobiliare Giovanni Amendola che è gestito da InvestiRe (società controllata da Banca Finnat).

A questi colleghi, Inpgi Futuro risponde che queste accuse non sono vere perchè, nei limiti dei propri poteri, i nostri rappresentanti negli organismi Inpgi hanno seguito con attenzione critica ogni fase della creazione del Fondo Giovanni Amendola, verificando più volte, e anche recentemente, che fossero adottate tutte le garanzie possibili.

Più in particolare, ricordiamo che :

  1. La gestione del Fondo a InvestiRe e a Polaris è stata affidata con una gara europea, controllata in tutte le sue fasi dal Ministero dell’Economia e dalla Banca d’Italia.
  2. Le stesse autorità hanno anche controllato la congruità del processo e delle valutazioni degli immobili da conferire nel Fondo, valutazioni fatte prima dagli Uffici Inpgi e poi certificate da una società di valutazione indipendente.
  3. Nei resoconti di bilancio finora presentati da InvestiRe al Cda e al comitato di controllo Inpgi non figurano scostamenti tra le valutazioni fatte e gli attuali valori degli immobili.
  4. Il Fondo G. Amendola è di proprietà di Inpgi al 100%: ciò significa che qualunque iniziativa significativa del Fondo stesso deve essere autorizzata dal Cda dell’Inpgi.
  5. Giampietro Nattino è indagato per suoi atti personali e cioè per transazioni fatte su propri conti presso l’Apsa. L’indagine, quindi, non ha nulla a che vedere con InvestiRe.
  6. Applicando la logica di alcuni colleghi bisognerebbe chiedere conto anche al Ministero del Tesoro sul perchè ha affidato alla Finnat la gestione del FIP (il Fondo degli immobili pubblici) o il motivo per cui non ha irrogato sanzioni miliardarie alla Deutsche Bank come hanno fatto le autorità Usa in seguito alla scoperta della manipolazione di indici del mercato finanziario.

Invece di avanzare sospetti generalizzati e insinuazioni sgangherate, chi ha informazioni certe su fatti poco trasparenti dovrebbe rivolgersi alle autorità di controllo dell’Inpgi o anche alla magistratura, che hanno non solo il potere ma anche il dovere istituzionale di vigilare sulla gestione del nostro Istituto di previdenza.

* Commissione Bilancio Inpgi, esecutivo di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sette + undici =