ELEZIONI INPGI, ANALISI IN PILLOLE DI UNA CRISI EPOCALE.COSE CHE DEVI SAPERE: I SOLDI AGLI EDITORI/5

Nel 2014 sono stati svalutati crediti verso aziende editoriali per 14,83 milioni di euro, per l’adeguamento al presumibile valore di realizzo, tenendo conto dei fallimenti dichiarati e delle situazioni di incerta esigibilità (pagina 68 del bilancio 2014). La svalutazione dei crediti verso gli editori è in forte aumento, era di 10,35 milioni nel 2013 e 7,97 milioni nel 2012.

Merita attenzione quindi il capitolo dei finanziamenti agli editori, fatto con i contributi versati dai giornalisti. Sappiamo, ma dal bilancio non abbiamo evidenza della cifra, che c’è anche un crescente finanziamento dell’Inpgi agli editori per il pagamento della ex fissa. A quanto ammontano i fondi impiegati per queste finalità?

A fine 2014 in bilancio c’erano crediti verso aziende editoriali per 301,68 milioni, in aumento di 18,27 milioni rispetto ai 283,4 milioni dell’anno precedente. Il totale si riferisce per 236 milioni a crediti per contributi e per 66 milioni a crediti per sanzioni ed interessi. L’aumento costante dei crediti, in una situazione di difficoltà del settore, ci sembra un altro segnale negativo. Nel 2012 i crediti verso editori erano 274,4 milioni, nel 2011 270,2 milioni, nel 2010 262 milioni. Andrebbe fatta più chiarezza su questi crediti e sui finanziamenti alle imprese editrici, inoltre andrebbero rafforzate le garanzie sui crediti concessi.

Nel bilancio 2014 sono accumulati al fondo svalutazione crediti verso aziende editoriali 119,2 milioni. Al 31 dicembre 2014 “l’importo complessivo del fondo è pari al 39% della massa creditoria, contro il 37% dell’anno precedente”. Se le aziende non dovessero pagare, il 61% del valore dei crediti totali non è coperto da accantonamenti, sarebbe un grosso problema per l’Inpgi.

Gianni Dragoni

(5 – continua)

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


10 − 5 =