INPGI, SULLA FIDEIUSSIONE DI LARGO LORIA L’OMBRA DI UNA PERDITA SECCA. INPGI FUTURO CHIEDE CHIAREZZA

di Pierluigi Franz *

Nuovo mistero sulla melmosa vicenda del palazzo Inpgi di 11 piani destinato ad uffici in largo Loria a Roma (quello di maggiori dimensioni di proprietà dell’Istituto in Italia) affittato nel 2006 alla società Milano ’90 (Gruppo Immobilfin facente capo all’immobiliarista romano Sergio Scarpellini) e da questa subaffittato al Comune di Roma Capitale a un canone annuo stratosferico di quasi 5 volte superiore, con uno sperpero di circa 50 milioni di euro dei contribuenti romani.

La delegazione di Inpgi Futuro è stata la prima e unica a interessarsi della vicenda, come risulta a verbale del Cda per gli interventi mio e del consigliere Carlo Chianura.

La vicenda, venuta alla luce solo a seguito della rescissione anticipata del contratto di locazione – in applicazione della legge sul Fare – dietro sacrosanta sollecitazione da parte dei consiglieri comunali in Campidoglio del Movimento 5Stelle, è ora finita nello scandalo di Affittopoli dopo un articolo dell’11 febbraio scorso sul Corriere della Sera.

Nel frattempo il palazzo di largo Loria a Roma è vuoto da 2 anni. La società Milano ’90 non ha più pagato il canone e l’Inpgi è rimasto creditore di fitti arretrati per parecchi milioni di euro.

In una lettera di precisazione al Corriere della Sera la direttrice generale dell’Inpgi Mimma Iorio ha affermato che la fidejussione bancaria a prima richiesta di 2 milioni 100 mila euro con scadenza ultima al 31 dicembre 2014, che era stata consegnata all’ente nel 2006 a garanzia del puntuale pagamento dei canoni di locazione per 1 anno, era stata di recente ridotta a un solo milione di euro – con una differenza in meno di ben 1,1 milione di euro (2 miliardi di vecchie lire). E ciò perché secondo la dottoressa Iorio «tale fideiussione copriva sia i rischi di mancato pagamento del canone sia quelli relativi all’obbligo assunto dalla società di eseguire, a proprio carico, ingenti opere di manutenzione».

«In sede di rinnovo della fideiussione – prosegue la Iorio – preso atto dell’avvenuta realizzazione delle opere, nonchè dell’assenza di morosità, si è reso necessario procedere ad una riduzione dell’importo garantito portandolo a 1 milione. Insorta la morosità della «Milano ’90», l’Inpgi ha incassato la fideiussione e ha attivato ogni forma di tutela giudiziaria finalizzata a garantirsi il recupero del credito, ottenendo dal giudice adeguate misure conservative su altra proprietà immobiliare della società e un decreto ingiuntivo anche nei confronti del Comune».

Ma sulla fidejussione bancaria a prima richiesta di 2 milioni 100 mila euro, rilasciata dalla società Milano ’90 nel 2006 a favore dell’Inpgi restano ancora molti interrogativi da chiarire.

Li ha posti il giornalista de “Il Sole-24 Ore” Nicola Borzi, chiedendo un’immediata risposta: “Chi e perchè dentro l’Inpgi ha autorizzato la riduzione da 2,1 milioni di euro a 1 milione di euro del valore della fidejussione (il titolo a garanzia) sull’affitto annuo (per 2,1 milioni) che l’Inpgi avrebbe dovuto incassare dalla società Milano ’90 dell’immobiliarista Scarpellini e che ora non incasserà più? Il Consiglio di amministrazione dell’Inpgi e i sindaci ne sapevano qualcosa, di questa riduzione della fidejussione? Ne erano stati informati? Soprattutto: CDA e sindaci dell’Inpgi hanno mai approvato questa riduzione delle garanzie per l’ente?”
In sostanza, Borzi lascia esplicitamente intendere che la fidejussione di 2 milioni 100 mila euro sarebbe stata successivamente sostituita con un’altra inidonea garanzia ad insaputa di amministratori e sindaci. Quello che pone Borzi è indubbiamente un bel dilemma e mette sotto i riflettori uno dei tanti misteri della vicenda su cui sta indagando la magistratura.

Per quello che mi ricordo, avendo buona memoria, posso affermare che il Consiglio di Amministrazione Inpgi, all’epoca presieduto da Gabriele Cescutti, e il Collegio Sindacale in carica fino al 2008 non hanno mai approvato la riduzione della fidejussione da 2,1 milioni di euro ad 1 milione di euro (differenza enorme che non poteva non essere deliberata dal CdA). Nè ciò è avvenuto successivamente. Ciò può quindi essere avvenuto solo a mia totale insaputa.

Ma è davvero avvenuto? La versione della dottoressa Iorio non coincide infatti con quanto previsto nell’originario contratto di affitto firmato il 12 dicembre 2005 dall’allora Presidente Inpgi Gabriele Cescutti e registrato all’Agenzia delle Entrate di Roma 3 il 31 gennaio 2006 numero 488. Anzi appare in netta collisione perchè l’originaria fidejussione bancaria da 2,1 milioni di euro copriva esattamente un anno di affitto del palazzo Inpgi di largo Loria a Roma (vedere articolo 15 a pagina 8 del contratto di affitto) ed era previsto che dovesse essere via via maggiorata e aggiornata nel tempo fino al 2026 con i nuovi canoni per effetto di adeguamenti o di aumenti automatici in base alla rivalutazione Istat o ad aumenti contrattuali.

* Sindaco uscente Inpgi, candidato tra i sindaci di Inpgi 1 e Inpgi 2 con INPGI FUTURO

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattro + quindici =