ELEZIONI INPGI, DA INPGI FUTURO UN SEGNO DI SPERANZA. QUALCHE BUON MOTIVO PER VOTARCI

di Carlo Chianura *

Dieci motivi, tra molti, per cui siamo scomodi. Altrettanti motivi per votare Inpgi Futuro.

Sopaf Pur non scendendo mai nell’attacco personale e nello sciacallaggio di cui ha fatto sfoggio in questi giorni una parte della maggioranza che ha governato l’Inpgi, non abbiamo fatto sconti sull’affare Sopaf. Facendo domande, pubblicando documenti e notizie, chiedendo chiarezza all’istituto. Per ultimo, firmando la richiesta formale per un Cda straordinario che decidesse sulla costituzione di parte civile nel processo al presidente uscente. Non tutti hanno gradito.

Riforma pensionistica Pur assumendoci le nostre responsabilità nella elaborazione della riforma, abbiamo votato contro individuando nel prelievo forzoso sulle pensioni un vulnus in grado di sabotare la riforma. Cosa puntualmente avvenuta con il parere del ministero del Lavoro.
Bilancio Abbiamo segnalato per due anni con la nostra astensione sul bilancio che l’Inpgi era costretto a subire le decisioni prese su altri tavoli dalle parti sociali Fnsi-Fieg e che si era avviato drammaticamente sulla china dei bilanci in rosso e della non sostenibilità dei conti. Abbiamo rotto un tabù, informando gli iscritti della tempesta imminente.
Soldi Abbiamo combattuto in questi anni l’automaticità dei contributi a Fnsi e sindacati regionali: non tutti li meritavano e forse si poteva anche risparmiare. Abbiamo informato che un fiduciario regionale può guadagnare anche il doppio di un consigliere di amministrazione. Abbiamo detto che 45.000 euro per un consigliere di Inpgi 2 è un compenso inaccettabile. Abbiamo tentato in consiglio generale un taglio più sostanzioso dello stipendio del presidente. Ci siamo scontrati con una maggioranza sorda e insensibile.
Immobiliare/1 Abbiamo sollevato il caso degli affitti troppo alti, ottenendo buoni risultati. Ma la Investire Sgr che ora gestisce gli immobili sta tornando indietro e, riportando gli affitti a livelli fuori mercato, tenta forse di tenere le case sfitte per rivenderle a un prezzo più alto. Lo abbiamo denunciato e abbiamo subito attenzioni anche personali.
Immobiliare/2 Abbiamo sollevato tra i tanti i casi di due fideiussioni per le quali l’istituto rischia perdite sensibili. Sono i famosi casi di Largo Loria, il più grande immobile di proprietà dell’ente, e delle villette di Rende. Fideiussioni che cambiano sotto i nostri occhi, che non garantiscono più le somme iniziali e che rivelano una opacità che abbiamo tentato di dissolvere. Anche in questo caso subendo personalmente le attenzioni dell’istituto.
Direzione Abbiamo condiviso le riserve su una campagna elettorale nella quale in alcune circostanze l’Inpgi non è stato soggetto terzo. Come nel caso delle riunioni sulla previdenza effettuate a ridosso delle elezioni dalla direttrice generale Mimma Iorio, ad alcune delle quali hanno preso parte anche candidati in lizza. Non ci sarebbe stato niente di male spostare di un mese queste riunioni. Dirlo non è piaciuto a tutti. Ci aspettiamo un rigoroso rispetto delle regole prima, durante e dopo il voto.
Skill Abbiamo cercato di alzare il velo su una vicenda paradossale: una società incaricata di rivoluzionare i sistemi informatici dell’istituto che di fatto incassa una buona parte del proprio compenso ma non è ancora in grado di consegnare il lavoro. Con ciò mettendo in difficoltà tanti ottimi e volenterosi dipendenti dell’istituto. Non siamo stati smentiti.
Inpar condicio Abbiamo diffidato alcune associazioni stampa regionali che, pur incassando contributi di tutti gli iscritti (dunque anche di chi non aderisce al sindacato), hanno fatto endorsement per i loro beniamini di corrente. Non sempre i nostri ricorsi sono riusciti a smontare queste violazioni della par condicio. Una nostra diffida ha evitato l’istituzione di seggi volanti non autorizzati in Veneto.
E il decimo? Ma il vero motivo per cui siamo scomodi anche in queste elezioni è che siamo alternativi al sistema di potere che finora ha vinto. Non abbiamo voto clientelare cui attingere ma siamo gli unici – se questo voto non si disperderà nei mille rivoli della protesta sterile – a essere in grado di continuare questo lavoro per portare l’istituto fuori dalla tempesta. Non dobbiamo lasciare più l’Inpgi in mano a coloro che ci hanno portato fin quasi sull’orlo del baratro, ma penso che dobbiamo raccogliere le forze per riprendere in mano la situazione finché è ancora possibile. E lo è. Buon voto a tutti.

*Coordinatore delle liste di Inpgi Futuro, portavoce di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 × 2 =