ELEZIONI INPGI, LA LIGURIA RICEVE I SOLDI DA TUTTI MA SI SCEGLIE I SUOI CANDIDATI. DOPPIA DIFFIDA

Indebita interferenza dell’Associazione ligure dei giornalisti nelle elezioni dell’Inpgi.

Prima con un comunicato firmato dal segretario Alessandra Costante a poche ore dall’apertura in tutta Italia delle votazioni online per rinnovare i vertici dell’Inpgi 1 e dell’Inpgi 2 il sindacato regionale della Liguria ha sponsorizzato con una sorta di “sviolinata” i candidati nazionali della lista “L’Inpgi siamo noi”.

Poi, non contento, ha usato l’indirizzario dell’associazione per fare pubblicità alla stessa lista.

Il caso è stato denunciato dal sindaco Inpgi Pierluigi Franz, secondo cui si tratta di una palese violazione della “par condicio” elettorale perchè il legale rappresentante di un sindacato non lo può utilizzare per fini personali andando in soccorso di una determinata lista di “amici”, ma discriminando indebitamente tutti gli altri iscritti che si sono candidati in altre liste o a titolo personale. Per di più l’Associazione ligure nel 2015 ha ricevuto dall’Inpgi 86.570 euro calcolati in base al numero degli iscritti all’Istituto, e non al numero largamente inferiore dei suoi soci liguri.

Franz ha inviato due formali diffide all’Associazione invitandola a togliere immediatamente la segnalazione agli elettori di votare per i candidati nazionali della lista “L’Inpgi siamo noi” e sostituendola invece con la lista completa di tutti i candidati ai collegi nazionali Inpgi 1 e Inpgi 2, come ha poi fatto finalmente dopo altri suoi esposti e diffide in modo corretto anche l’Associazione stampa del Friuli-Venezia Giulia.

Franz si è comunque riservato di presentare ulteriori diffide, esposti alla magistratura e alle Authority competenti e richieste di annullamento delle elezioni con risarcimento danni a carico di chiunque si sia reso responsabile di questo evitabile patatrac.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciotto + 3 =