ELEZIONI INPGI, IN POCHI AI SEGGI. MA L’ISTITUTO SI PUO’ SALVARE E GLI ASSENTI HANNO SEMPRE TORTO

di Carlo Chianura *

I giornalisti italiani sembrano snobbare le elezioni del loro istituto di previdenza. O meglio ci sono segnali contrastanti, almeno a giudicare dai dati provenienti dalla prima giornata di voto ai seggi. Eppure non partecipare questa volta è proprio un errore.

I dati del voto online indicano un aumento notevole dell’affluenza. Quasi il 30 per cento in più tra gli attivi, quasi il 50 tra i pensionati. Oggi tuttavia il seggio non ha restituito la stessa fotografia, c’è stata affluenza bassa, ma è pur vero che c’è tempo oggi per recuperare nei 20 seggi.
Per giustificare i pochi votanti (vedi sotto il comunicato dell’Inpgi) ci parlano di una caduta verticale delle aspettative sul futuro dell’istituto, soprattutto da parte degli attivi, di un Inpgi ormai destinato nelle braccia dell’Inps. E dunque di colleghi, specialmente attivi, che ritengono il voto una perdita di tempo.
Io non so nulla più di quanto non conosca ogni giornalista italiano. Una cosa però penso di poterla dire: se il governo avesse avuto intenzione di commissariare l’Inpgi o di ordinare la sua confluenza nel sistema generale, non avrebbe perso altro tempo consentendo le elezioni. A maggior ragione tenendo in conto la lettera dei ministeri del Lavoro e della Economia, la sua durezza, il suo ipotizzare la necessità di misure ancora più restrittive di quelle previste dalla legge Fornero.
E se questo è vero, allora forse si ritiene a livello governativo che l’Inpgi possa mettere in atto dopo le elezioni tutte le misure necessarie per un intervento che rimetta in equilibrio i conti. Misure coraggiose e forse più forti o solo diverse rispetto a quelle previste dalla riforma del luglio 2015. Ma misure possibili.
Per riuscirci però è necessario che gli organi amministrativi che usciranno dalle elezioni siano legittimati dal voto di tanti colleghi. Per questo ritengo opportuno un ultimo appello alla partecipazione consapevole, che scelga tra le decine di candidati in tutta Italia quelli che si ritengono in grado di risanare e rilanciare l’istituto.
Assieme alla Casagit, il nostro istituto di previdenza è il patrimonio più prezioso del nostro welfare. Prendiamo consapevolezza che lo si può salvare e che per farlo bisogna promuovere il cambiamento. Cominciando dalle urne.
* Portavoce di Puntoeacapo, coordinatore di Inpgi Futuro

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


cinque × uno =