INPGI FUTURO, UN SUCCESSO GARANZIA DI CAMBIAMENTO. SINERGIE PER SALVARE IL WELFARE DEI GIORNALISTI

di Carlo Chianura *

Il segnale è forte e chiaro: i giornalisti vogliono cambiare l’Inpgi. Il successo di Inpgi Futuro che festeggiamo in queste ore testimonia l’esigenza profonda di discontinuità rispetto al passato e nello stesso tempo l’urgenza di dare una speranza al welfare dei giornalisti.

E’ possibile, lo diciamo da sempre, con ciò contrastando sia le letture apocalittiche che gli atti di fede di chi finora ha nascosto la testa sotto la sabbia, presumendo che i giornalisti facessero lo stesso.
Così non è stato: premiando le nostre liste, gli elettori hanno voluto individuare la visione alternativa di un Inpgi che deve cambiare profondamente attraverso il confronto duro ma leale. Sembra uscita sconfitta dalle elezioni quella parte della maggioranza che ha cercato lo scontro personale e settario, come unica risposta di continuità a una passata gestione uscita di scena sotto i riflettori della magistratura. Ma a farne le spese, in uno scontro intestino a quella stessa maggioranza, sono stati anche esponenti storici che ancora una volta si erano fidati di accordi interni evidentemente non onorati. E’ il caso delle bocciature eccellenti tra i candidati pensionati o del disinvolto uso delle preferenze personali.
Sarebbe parziale e riduttivo però ritenere che quello che è accaduto dipenda dagli errori di chi ha gestito l’istituto finora. Perché non è per caso che si conquistano 6 seggi da consigliere generale tra i pensionati sui 7 presentati. Non è un caso che si torni a essere gruppo di maggioranza nella delegazione dei giornalisti in una regione strategica come il Lazio. Intorno a questo nucleo, nelle prossime settimane si muoveranno alcuni colleghi-amici eletti come noi in consiglio generale che ci hanno dimostrato stima, fiducia ma soprattutto identità di intenti.
Il progetto è quello di cambiare marcia, cominciando a segnalare sin dagli organigrammi questa discontinuità.
Continueremo a combattere come abbiamo sempre fatto chi non ha garantito gli interessi dell’istituto o lo ha voluto opaco o inerte in alcuni passaggi. Andremo a parlare con chiunque creda come noi che il risanamento dell’istituto parta da una ridiscussione della riforma pensionistica che sia più efficace ma tuteli tutti gli iscritti, che voglia mettere al primo punto dell’agenda la ridiscussione dei compensi degli amministratori, che voglia chiarire adeguatamente il ruolo della sgr nella nuova gestione immobiliare, che voglia tutelare in ogni sede l’istituto. Solo esempi, ma tanto per capire che di cose da fare subito ce ne sono e che certamente all’interno del nuovo consiglio generale intravediamo possibili sinergie e convergenze. Da verificare naturalmente alla prova dei fatti.

 

* Portavoce di Puntoeacapo, coordinatore di Inpgi Futuro

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


19 − diciassette =