INPGI, VINCE LA CONSERVAZIONE. INPGI FUTURO UNICO GRUPPO IN GRADO DI OPPORSI A UN SISTEMA DI POTERE

di Carlo Chianura

Portavoce di Puntoeacapo

Una silenziosa ma furibonda lotta per il potere. La battaglia per la successione ad Andrea Camporese alla presidenza dell’Inpgi ripropone gli stessi schemi che assicurano da decenni a una ristretta oligarchia di giornalisti di dividersi le spoglie di tutti gli organi di categoria: anche dell’istituto di previdenza, che da solo vale due miliardi.

E’ la conferma della abilità autoreferenziale di questi gruppetti organizzati all’insaputa di una categoria di dormienti. Gruppetti capaci di spaccarsi ma di ritrovarsi al momento decisivo uniti nella spartizione di poltrone, poltroncine e strapuntini.

Durante il consiglio generale che ha infine eletto il nuovo di Cda dell’istituto, è andato in scena nei corridoi di via Nizza 35 un vero e proprio mercato delle vacche: promesse e presidenze di commissione a go-go, ingenui col dente avvelenato che si accontentavano di generiche rassicurazioni sulla costituzione di parte civile per il caso Sopaf in cambio del loro voto alla maggioranza che finora ha insabbiato la vicenda giudiziaria, ali estreme che si sono comportate come il famoso marito che si evira per far dispetto alla moglie. E infine il colpo magistrale della variopinta maggioranza di accaparrarsi un seggio ai danni di Inpgi Futuro, giocando sui resti e sulle parole.

In mezzo, in aula, un dibattito a volte vibrante, a volte ipocrita o pieno di falsità, quando ha tentato di accreditare il precedente Cda come una marmellata informe nel quale esisteva solo unanimità e conformismo. Dimenticando i fatti e gli atti a verbale.
Ha dunque rivinto Camporese? Per quanto la presidente in pectore Marina Macelloni abbia in parte ma significativamente preso le distanze dall’ex presidente, l’Inpgi sembra destinato alla conservazione del potere in una filiera che contiene la Fnsi, il Fondo di previdenza complementare, in parte la Casagit, le connection giudiziarie, e che ha ancora come protagonista indiscussa la direttrice generale Mimma Iorio. Il cui ruolo sarà quello di custodire i dossier e di garantire se non il futuro dell’ente di sicuro il suo passato e il suo presente.

In questo scenario da fine impero, è significativa la figura del presidente della Casagit Daniele Cerrato che a un certo punto deve avere davvero creduto che un rinnovamento fosse possibile con una sua candidatura alla presidenza. Fidandosi della parola di Franco Siddi e delle sue sterili promesse di appoggio istituzionale.

Un vero e proprio trappolone per il presidente della cassa sanitaria, non in grado di cogliere per tempo che così facendo ingaggiava una partita mortale con Camporese, il quale come è noto aveva e ha bisogno di tutele più che di discontinuità.

Inpgi Futuro mantiene per ora i due seggi in Cda che aveva già. Per ora, in quanto verifichiamo la possibilità di ricorrere contro la decisione della presidente del seggio elettorale. Eventualmente deciderà un magistrato.
Tutto come prima, dunque? Non proprio. Abbiamo la presunzione di avere modificato qualcosa sul terreno di questa oligarchia e tanto per cominciare vogliamo ricordare la fiducia che nutriamo – nel rispetto della sua imparzialità – per il nuovo collegio sindacale.

Ma soprattutto abbiamo la convinzione che una parte dei 42 voti devoluti alla maggioranza possa essere considerata in libera uscita su temi che riguardino la questione morale di un istituto che deve tutelarsi in tutte le sedi sul caso Sopaf con la costituzione di parte civile.

Richiederemo formalmente che il punto sia inserito all’ordine del giorno del primo Cda, il 7 aprile, in modo da decidere per il sì o per il no prima del 21 aprile. Ognuno si assumerà le proprie responsabilità. Poi lavoreremo sui compensi degli organi amministratori. Poi chiariremo il ruolo della Sgr che gestisce gli immobili dell’istituto e garantiremo equilibrio e regole certe nelle eventuali dismissioni. Infine esigeremo che l’attività dell’istituto sia portata sempre e comunque a conoscenza degli iscritti, semplicemente perché è loro diritto.

Vogliamo credere che un’altra stagione sia possibile, a partire da una “riforma della riforma previdenziale” che sia incisiva ma anche equa e solidale, come abbiamo sempre pensato. Abbiamo motivo di credere che alleati in questo tentativo troveremo i rappresentanti del governo nella nuova composizione della delegazione. Vedremo.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tredici + 20 =