SOPAF, LA PRESIDENZA USCENTE A INPGI FUTURO: NO ALLA DISCUSSIONE SULLA COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE

Non c’è nessuna urgenza di discutere la costituzione di parte civile dell’Inpgi sul caso Sopaf, anche se la scadenza ultima è ormai alle porte. La presidenza uscente si appella a un comma dello statuto e respinge la richiesta dei consiglieri di Inpgi Futuro Carlo Chianura e Mario Antolini. Tacciono tutti gli altri consiglieri eletti o rieletti.

Il vicepresidente vicario uscente dell’istituto, Paolo Serventi Longhi, ha scritto a Antolini e a Chianura una lettera di risposta a quella inviata il 31 marzo dai consiglieri di Inpgi Futuro.

Serventi, incaricato di tenere i contatti con il vecchio Cda giornalistico sulla vicenda giudiziaria che coinvolge il presidente uscente Andrea Camporese, imputato a Milano per truffa e corruzione, fa riferimento a quell’articolo dello statuto Inpgi che stabilisce la necessità di 3 firme di consiglieri per rendere obbligatorio l’inserimento all’ordine del giorno di un argomento.

Giustissima considerazione, davvero. Ineccepibile. La domanda vera è però un’altra: per quale motivo nessuno degli altri otto consiglieri giornalisti ha ritenuto di firmare una richiesta simile per portare finalmente in consiglio di amministrazione l’argomento? Non lo hanno fatto forse per convinzione politica? Sono coscienti degli obblighi in capo a un buon amministratore? Dove sono finiti i buoni propositi (e i ridicoli documenti dati in pasto ai beoti) che assicuravano un cambio di rotta sul caso Sopaf?

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


14 − 4 =