INPGI, LA GAFFE DEL MANIFESTO DELLA PRESIDENTE SU CARTA INTESTATA DELLA DIRETTRICE GENERALE

Una gaffe o una scelta precisa? Difficile rispondere, conoscendo le dinamiche in atto da tempo all’Inpgi e le circostanze in cui è stata eletta la nuova presidente.

Difficile anche catalogare come una curiosità il fatto che la dichiarazione programmatica della presidente, consegnata il 28 aprile ai consiglieri generali dell’istituto, fosse stata stampata sulla carta intestata della direttrice generale Mimma Iorio.

Stiamo parlando dell’atto formale che dovrebbe segnare il prossimo quadriennio di Marina Macelloni come presidente.

Impossibile non ricordare che il vuoto di potere all’interno dell’istituto provocato dalla grave vicenda giudiziaria che ha coinvolto l’ex presidente Andrea Camporese ha di fatto aperto spazi enormi e mai visti nella storia dell’Inpgi per la direttrice generale, definita spesso la presidente-ombra dell’istituto. Difficile non rimarcare l’attivismo pre elettorale della Iorio, consistito in un vasto giro nelle regioni per spiegare la previdenza, spesso a contatto con candidati della maggioranza. Ovvero la efficace opera di lobbyng post elettorale che ha favorito la presidenza Macelloni.

L’episodio della carta intestata è il classico dettaglio rivelatore. Niente di più. E niente di meno.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × 3 =