INPGI, DISMISSIONI DEGLI IMMOBILI: ENTRO IL 2016 L’AVVIO DELLE PRIME OPERAZIONI

di Corrado Chiominto *

Le prime operazioni per l’avvio del piano di dismissioni immobiliari dell’Inpgi potrebbero arrivare entro la fine dell’anno. L’indicazione, seppure in forma sfumata, è stata data dalla presidente dell’istituto, Marina Macelloni, durante l’ultimo Consiglio Generale.

“Spero che entro l’anno – ha detto – si possa partire con le prime operazioni”. Ma se da una parte l’esigenza di smobilizzare parte del patrimonio è necessaria visto lo squilibrio tra entrate ed uscite che ha superato i 100 milioni in un anno, dall’altra è invece presumibile che per la partenza concreta dell’iter di vendita possano servire ancora molti mesi.
Al momento l’Inpgi ha solo conferito una parte degli immobili al Fondo Amendola, la Sgr della quale detiene il 100% delle quote, con l’obiettivo di migliorare la gestione, valorizzare gli incassi e di ottimizzare anche il carico fiscale. L’effetto concreto è stato anche quello di imbellettare i conti dell’Istituto: gli immobili trasferiti alla Sgr sono infatti stati prima rivalutati e questo ha prodotto una plusvalenza che ha migliorato, in modo cartaceo senza un reale ed effettivo incasso, i conti annuali dell’Inpgi.
Il processo di vendita degli immobili seguirà comunque un iter prestabilito. Si partirà dall’elaborazione di un business plan che sarà sottoposto a una commissione ad hoc dell’Istituto e poi al Cda. Solo dopo si procederà. Chiaramente questa procedura si intreccerà con l’aggiornamento delle stime dei valori attribuiti ai singoli immobili, aggiornamento che viene fatto semestralmente tenendo conto dell’andamento del mercato.
Difficile ipotizzare al momento il percorso che seguiranno le dismissioni e le priorità che saranno fissate. Per ora gli immobili conferiti al Fondo Amendola sono divisi in due comparti e da qualche giorno alcune informazioni sono inserite nel sito dell’Istituto nello spazio alle informazioni per favorire la trasparenza.
Il comparto 1 contiene soprattutto unità immobiliari a uso residenziale, in gran parte localizzate a Roma. Negli obiettivi iniziali fissati dall’Inpgi – le cosiddette linee guida – la Sgr dovrebbe puntare a valorizzare gli immobili con una crescita dei canoni e una riduzione del tasso di sfitto e morosità. L’idea iniziale non sarebbe, quindi, quella di procedere a dismissioni. Ma non è escluso che una parte di questo patrimonio possa comunque essere messo sul mercato in modo frazionato.  Il comparto 2, invece, contiene gli immobili residenziali da vendere in modo frazionato e alcuni immobili ad uso commerciale che – secondo le linee guida della Sgr – si punta a valorizzare, a riconvertire e anche a dismettere.
Di certo il tema delle dismissioni sarà delicatissimo per gli interessi vivi che tocca. Per questo saranno necessarie regole chiare e massima trasparenza, che abbiamo chiesto durante il consiglio generale.
Sul sito dell’Inpgi sono stati pubblicati anche i dati relativi agli immobili sfitti. Il 2015 è partito con 105 immobili liberi, saliti fino a 110 in aprile e poi ridotti a 92 a fine anno. Nel corso dell’anno, si legge nel rapporto, sono comunque stati sottoscritti 74 nuovi contratti che – grazie all’avvio di una campagna pubblicitaria, all’uso di agenzie private e all’adeguamento di alcuni canoni al mercato –  hanno consentito di ammortizzare il numero di coloro che hanno deciso di recedere dal contratto.
*Consigliere generale Inpgi, consiglio consultivo di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


dieci − 5 =