INPGI, SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI PER I SOCI INQUILINI. UN PIANO PER DIVERSIFICARE GLI AFFITTI

di Corrado Chiominto *
Da una parte la necessità di ridurre gli immobili sfitti attraverso una diversificazione dell’offerta, dall’altra la volontà di fornire servizi di tipo socio-assistenziale e sanitari ai propri soci concentrati in alcune specifiche aree: è con queste due finalità che parte un progetto pilota dell’Inpgi.

L’Istituto, attraverso la Sgr InvestiRe, punta a valorizzare immobili per realizzare una serie di servizi che vengano incontro alle esigenze dei giornalisti over-65 che abitano nel complesso di via dei Giornalisti a Roma, un’area sulla quale insistono ben 550 immobili dell’Inpgi. Tra gli obiettivi c’e’ anche l’esigenza di studiare un modello gestionale e di servizio che possa essere esteso anche su altri immobili analoghi.
Il bando di gara è stato diffuso proprio in questi giorni tramite i quotidiani romani e spiega che si punta a ‘’creare un modello innovativo di servizi aggiuntivi da offrere ai conduttori di immobili residenziali e finalizzato ad integrare l’offerta localiva’’. Le manifestazioni di interesse potranno arrivare dalle società specializzate in questi servizi e dovranno essere presentate entro il 31 maggio. Il bando contiene ‘’a titolo esemplificativo e non esaustivo’’ alcuni esempi dell’uso che si vuole fare dei due appartamenti al piano terra dello stabile: “servizi medici; servizi di assistenza alla gestione e alla somministrazione di cura; servizi di assistenza e di supporto pratico (ad es. compagnia alla persone, “assisted living”…); servizi di supporto alla socializzazione”. Viene ipotizzata anche la possibilità di realizzare servizi di assistenza a domicilio.
L’obiettivo – spiegano fonti Inpgi – è quello di rendere un servizio di pubblica utilità in un contesto a forte concentrazione di locatari giornalisti:  quindi da un lato il fondo mette a reddito ciò che non è stato richiesto in affitto e dall’altra offre un servizio utile agli abitanti di un complesso a forte propensione di anziani con servizi anche a domicilio di assistenza.
L’idea parte dalla constatazione di una forte presenza di inquilini over65 nei complessi di via dei Giornalisti dove sono circa 550 unità immobiliari dell’Inpgi. Una quota rilevante delle 1.200 persone che vi abitano, circa il 52%, rientra nelle caratteristiche di coloro che potrebbero essere interessati a questa tipologia di servizi. I due immobili finalizzati a questo scopo, che saranno messi in locazione cambiando la destinazione d’uso, contano su 280 metri quadrati coperti e 550 metri di aree esterne di pertinenza. La società che manifesterà l’interesse a realizzare i servizi dovrebbe per questo presentare un progetto tecnico, con i tempi di esecuzione e i costi di realizzazione. Dovrà inoltre prevedere condizioni di maggiore favore per i servizi resi agli inquilini dell’Istituto.
Ecco l’indirizzo per leggere i contenuti dell’ “invito a manifestare interesse”

* Consigliere generale Inpgi, consiglio consultivo di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


cinque − tre =