PROCESSO SOPAF: SI’ ALL’INPGI PARTE CIVILE CONTRO CAMPORESE. TARDIVA L’ISTANZA CONTRO MAGNONI

Il giudice di Milano ha accolto la richiesta di costituzione di parte civile dell’Inpgi nei confronti di Andrea Camporese, ex presidente dell’Istituto, nel processo sul fallimento della Sopaf (Società Partecipazioni Finanziarie). Camporese è accusato di corruzione e truffa ai danni dell’Inpgi.

Il giudice ha invece respinto l’istanza presentata dall’Ordine dei Giornalisti perché il diritto è esercitato dall’Inpgi. Il giudice ha inoltre negato all’Inpgi – perché tardiva – la richiesta di costituzione di parte civile nei confronti di Giorgio Magnoni, titolare della Sopaf.
Secondo l’accusa, Camporese avrebbe ricevuto 200 mila euro “a titolo di remunerazione per il compimento di atti contrari ai doveri d’ufficio“. Nell’ambito dell’inchiesta sulla distrazione milionaria di fondi della Sopaf erano finite sotto la lente d’ingrandimento della Procura e della GdF anche le operazioni sul Fondo immobili pubblici (Fip), attraverso le quali Camporese avrebbe “consentito” a Sopaf “ di realizzare una plusvalenza (…) pari ad euro 7.600.000″ attraverso la società di gestione del risparmio Adenium.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


14 − sei =