EDITORIA, IL FALCO CALTAGIRONE LASCIA LA FIEG. PUNTOEACAPO: POSSIBILE UNA FASE NUOVA

di Alessandra Spitz *

E’ rottura clamorosa all’interno della Fieg: il Comitato di presidenza della Federazione editori prende le distanze in modo netto dalle politiche attuate dal Gruppo Caltagirone Editore. E l’ingegner Franco con la figlia Azzurra – evidentemente insofferenti a qualsiasi critica – decidono di sbattere la porta e di andarsene.

La notizia non è certo positiva per i dipendenti del gruppo Caltagirone – che ora avranno minori difese da una gestione dai tratti pre-ottocenteschi nei rapporti con i lavoratori – ma non può che essere vista con favore da chi individuava nella famiglia Caltagirone l’ala più dura e miope della Fieg, di cui Azzurra Caltagirone era vicepresidente.

La nota con cui la Fieg ha chiarito le motivazioni che hanno portato alla uscita del Gruppo romano non lascia dubbi su una presa di distanza netta dalle ultime decisioni degli editori del Messaggero e del Mattino. “La scelta del Gruppo Caltagirone di uscire dalla associazione – afferma il comunicato della Fieg – è conseguente alla decisione del Comitato di Presidenza che, all’unanimità, con una sola astensione, aveva invitato le società de Il Messaggero, il Mattino e de Il Gazzettino a riconsiderare una iniziativa assunta al di fuori non solo delle scelte ma anche delle logiche associative”.

In altre parole, il presidente della Fieg, Maurizio Costa, ha giustamente chiesto al Gruppo Caltagirone di rivedere la scelta di spacchettare le attività produttive delle testate dei quotidiani Il Messaggero, Il Mattino e Il Gazzettino attraverso la cessione dei rami d’azienda in spregio alle regole previste dal contratto nazionale di lavoro. Una decisione che ha scatenato la protesta dei lavoratori ed è finita in un’interrogazione parlamentare dei deputati Cesare Damiano e Marco Miccoli (Pd) al Ministro del lavoro e delle politiche sociali.
Le organizzazioni sindacali di categoria avevano subito denunciato che la “procedura attuata risulta volta a una destrutturazione del contratto collettivo nazionale poiché provocherà, per 77 lavoratrici e lavoratori coinvolti, un passaggio dal Ccnl dei Poligrafici a quello del Commercio, nonché licenziamenti individuali senza giustificato motivo e spostamenti forzosi da una attività all’altra. Esempio di questa precisa volontà risiede nell’attuale licenziamento di 3 lavoratori de Il Mattino di Napoli” e uno del Gazzettino di Venezia”.
Insomma, “un concreto attacco ai diritti di tutti i lavoratori poligrafici” che ha costretto le segreterie nazionali di Slc-Cgil, Fistel-Cisl e Uilcom-Uil a indire lo sciopero del settore, al quale hanno aderito in segno di solidarietà anche i giornalisti.
I parlamentari Damiano e Miccoli, nella loro interrogazione, hanno inoltre ricordato che il gruppo Caltagirone ha usufruito dei fondi previsti per l’editoria, “il che rende discutibili dinamiche come quelle descritte”. Infatti, in attuazione del piano dell’editore, 77 addetti ai servizi delle tre testate (amministrativi, diffusione, ufficio del personale, segreteria di redazione) dal 1° aprile 2016 sono passati a Servizi Italia 15 srl: ai dipendenti viene applicato il contratto del commercio, che non contempla gli interventi della legge 416 dell’editoria in materia di ammortizzatori sociali, come i prepensionamenti. I lavoratori produttivi del Mattino e del Messaggero sono finiti, invece, alle nuove società Stampa Napoli 2015 srl e Stampa Roma 2015. Si tratta dei dipendenti addetti ai settori stampa, prestampa, archivio, servizi tecnici informatici, area di preparazione, rotative”.

Anche la Fnsi era intervenuta nella vicenda ribadendo “la necessità di salvaguardare e difendere l’informazione di qualità”. “Un’esigenza – ha sottolineato la Fnsi – che non può passare attraverso la cancellazione di diritti fondamentali e tutele collettive in nome di non meglio precisate politiche aziendali volte al contenimento dei costi. Il settore editoriale è ancora duramente provato da una crisi di natura strutturale. Pensare di poterne uscire da soli significa soltanto imboccare scorciatoie che porteranno inevitabilmente in un vicolo cieco”.

Ora alle proteste del sindacato e della politica, si è dunque aggiunta la netta presa di distanza degli altri editori. Una rottura che, secondo Puntoeacapo, potrebbe segnare l’avvio di una politica più lungimirante e innovativa da parte degli editori che per troppi anni si sono fatti condizionare dalle logiche e dagli interessi di editori come Caltagirone.
* Esecutivo di Puntoeacapo, consigliera generale Inpgi

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


10 + 14 =