CASAGIT, IL VOTO SEGRETO AFFOSSA LA NORMA SULLA RAPPRESENTANZA MINIMA DI GENERE NEL CDA

 

La settantatreesima Assemblea dei delegati Casagit ha respinto (36 sì, 24 no, 5 astenuti, 1 nulla, su un quorum richiesto di 50 voti favorevoli) la modifica statutaria volta a introdurre una garanzia di genere nell’elezione del Cda della Cassa.

La proposta definiva l’obbligo, pena la nullità, di esprimere non più di cinque preferenze dello stesso genere ed almeno una preferenza di genere diverso sulla scheda per l’elezione del Cda.

L’attenzione alla questione di genere è stata fin dall’inizio, nel 2001, un elemento qualificante dell’azione di Puntoeacapo, che già nel 2011 aveva ottenuto l’unanimità, in Assemblea Casagit, su una mozione che sollecitava “il Cda ad impegnare ogni sforzo per definire le soluzioni possibili affinché negli organismi della Cassa si realizzi la massima parità di rappresentanza e di responsabilità tra uomini e donne”.

Nella attuale consiliatura, Puntoeacapo ha promosso, insieme con altri colleghi sensibili a questo tema e fuori dalla logica degli schieramenti sindacali, l’iniziativa avviata due anni fa con la presentazione di una mozione che raccolse 35 firme e in attuazione della quale, nel febbraio 2014, il Cda nominò un gruppo di lavoro (composto da Donatella Speranza, Barbara Corrao, Elena Golino, Enrico Scapaticci, Stefania Tamburello) con il compito di presentare una proposta di soluzione.

Il gruppo di lavoro suggerì di riservare un determinato numero di posti, nel futuro Cda, al genere minoritario. Dopo un lungo e difficile confronto – attraverso l’impegno costante dei consiglieri Rossella Lama e Corrado Chiominto  – il Cda aveva approvato una formulazione di minor impatto da presentare in Assemblea: 3 astenuti su 11 membri del Cda, in una votazione per la prima volta a voto segreto. A voto segreto è stato anche l’esame in Assemblea dei Delegati.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattro × due =