INPGI,DOPO LA SENTENZA DELLA CONSULTA PARTE LA GARA DELLE MISTIFICAZIONI SULLA RIFORMA PREVIDENZIALE

 

di Pierluigi Roesler Franz*

Nel nuovo blog delle sindacaliste e dei sindacalisti delle Associazioni regionali di stampa della FNSI è stato pubblicato il 6 luglio un articolo, intitolato “Il contributo sulle pensioni non è incostituzionale: ossigeno per la riforma dell’Inpgi”, con cui si provano a spiegare le conseguenze della decisione presa ieri dai giudici della Consulta (di cui peraltro non si conoscono ancora le motivazioni) riguardo al taglio di tutte le pensioni superiori ai 91 mila 250 euro lordi l’anno erogate dall’INPS e dall’INPGI 1, che era stato deciso dal governo Letta e inserito nella legge di stabilità per il 2014.

Nell’articolo si dà però un’erronea lettura della sentenza dell’Alta Corte che interessa ex magistrati, avvocati dello Stato, ambasciatori, generali, ammiragli, professori universitari, dirigenti dello Stato, dirigenti di enti pubblici o privati, giornalisti, eccetera.

E anche il titolo dell’articolo è equivoco e rischia di creare solo confusione. Quello corretto, invece, dovrebbe essere forse: “Il contributo sulle pensioni non è incostituzionale: ossigeno per le casse dell’INPGI 1”.

Nel comunicato stampa della Consulta si ricorda che “il contributo sulle pensioni di importo più elevato scade nel dicembre 2016. Si tratta, infatti, di un contributo di solidarietà interno al circuito previdenziale, giustificato in via del tutto eccezionale dalla crisi contingente e grave del sistema. Tale contributo non ha natura tributaria e rispetta il principio di progressività e, pur comportando innegabilmente un sacrificio sui pensionati colpiti, è comunque sostenibile in quanto applicato solo sulle pensioni più elevate, da 14 a oltre 30 volte superiori alle pensioni minime”.

In conclusione, è pienamente legittimo il taglio di tutte le pensioni di importo superiore ai 91 mila 250 euro lordi l’anno erogate dall’INPGI 1 a circa 1.100 giornalisti. Pertanto l’Istituto non dovrà restituire quanto ha trattenuto ai giornalisti negli ultimi 2 anni e mezzo e potrà continuare a trattenere per altri 6 mesi fino al 31 dicembre prossimo quando scadrà il termine fissato dalla legge Letta. Questo notevole risparmio darà quindi ossigeno alle casse dell’INPGI 1. Tutto qui.

Viceversa la prossima riforma dell’INPGI non c’entra nulla, perchè la Corte Costituzionale giudica esclusivamente sulla legittimità delle leggi (in questo caso la 147 del 2013, cioè la stabilità per il 2014) e per introdurre eventuali nuovi ed ulteriori tagli alle pensioni INPGI 1 (unico ente sostitutivo dell’INPS) occorre una legge. Cioé una decisione del Parlamento.

* Sindaco Inpgi, consiglio consultivo di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


20 − 18 =