CASAGIT, SACRIFICI INEVITABILI MA INUTILI SE GLI EDITORI CONTINUANO A NON VERSARE I CONTRIBUTI SANITARI DOVUTI

 

di Rossella Lama*

Il giro di vite sulle prestazioni deciso un anno per evitare una deriva dei conti sta dando i risultati previsti.

Dall’inizio del 2016 Casagit non rimborsa più l’Iva e il bollo sui ricoveri, resta sulle nostre spalle di assistiti una franchigia del 15% per accertamenti diagnostici effettuati in strutture private, i farmaci di fascia C sono rimborsati al 50% e non più all’80%, per non parlare della stretta su fisioterapia, protesi acustiche e procreazione assistita. Sacrifici inevitabili se volevamo portare in attivo il bilancio, perché il rosso del 2015 si è fermato a 1,5 milioni di euro grazie al buon rendimento del patrimonio investito (950 mila euro), che però non ha evitato il ricorso al fondo di garanzia.

Ma la regola non può stare nel far quadrare i conti con la gestione finanziaria e attingendo alle riserve. Perché le riserve servono ad affrontare difficoltà improvvise e imprevedibili, non a compensare lo squilibrio strutturale tra entrate e uscite. Così il 2016 chiuderà con un attivo di 1,5 milioni di euro, e forse superiore con un buon andamento dei quattro mesi che mancano a fine anno. Segnali positivi ci sono, e non vanno trascurati. Il problema però resta in tutta la sua serietà. E se non si inverte il trend che ha portato Casagit negli ultimi cinque anni a perdere 3 mila associati, e a dover fare a meno di 5 milioni di euro di contributi, per la nostra cassa malattia sarà la fine.

Dire che il destino di Casagit è legato inscindibilmente alla doppia partita del rinnovo del contratto e della legge sull’editoria non è una forzatura. Questo autunno sarà decisivo su entrambi i fronti. Serve un allargamento del perimetro dei giornalisti lavoratori subordinati, e che quindi rientrano nella platea dei contribuenti-assistiti Casagit.

Giornalisti stabilizzati con stipendi che ricominciano crescere, dopo il passo di gambero degli ultimi due contratti.

Se il monte retribuzioni scende, se si riduce il numero di chi ha diritto per contratto all’assicurazione sanitaria di categoria, se le pensioni diventano più magre, i conti non possono tornare. Lo stiamo vediamo anno dopo anno, bilancio dopo bilancio. Bisogna cambiare registro. E’ inaccettabile che gli editori possano continuare ad attingere soldi pubblici per i prepensionamenti anche quando non pagano i contributi previdenziali e sanitari agli istituti di categoria e gli stipendi ai giornalisti.

E’ appropriazione indebita, e in un mondo normale sarebbe impensabile. Purtroppo da anni non viviamo più in un mondo normale. C’è solo da sperare che l’Fnsi cominci a governare i processi invece di andare a rimorchio. Ci auguriamo che ce la faccia, per Casagit, per l’Inpgi, per i colleghi tutti.

*Cda Casagit, componente dei probiviri di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno × tre =