INPGI, PENSIONI: CENTINAIA DI NUOVE FIRME NOPRELIEVO

 

Centinaia di nuove firme all’appello inviato lunedì 3 ottobre ai ministri del Lavoro e della Economia contro l’illegittimo prelievo forzoso sulle pensioni dei giornalisti. Ricordiamo la mail giornalisti.noprelievo@gmail.com cui inviare la vostra adesione.

Un appello trasversale e spontaneo, che vede in campo giornalisti in attività e in pensione, iscritti o non più iscritti alla Fnsi e all’Ungp, della più varia estrazione correntizia, se vogliamo vederla in questo modo riduttivo come stanno facendo alcuni non disinteressati esponenti della maggioranza Fnsi.

Puntoeacapo appoggia certamente questa iniziativa. La appoggia ma non intende monopolizzarla, perché è giusto in questa fase andare oltre le appartenenze e riservare le energie alla denuncia dell’atto illegittimo compiuto il 28 settembre dalla maggioranza del Cda Inpgi che ha deliberato il taglio alle pensioni con il voto contrario di Carlo Chianura e Paola Cascella di Inpgi Futuro.

“Oggi 5 euro, domani non si sa”, è il senso della protesta contro un provvedimento che sfida ogni legge e consuetudine poiché autoattribuisce a un organismo amministrativo i compiti del Parlamento e costituisce un pericoloso precedente per il futuro.

Ecco il nuovo elenco delle firme raccolte ieri nella mail giornalisti.noprelievo@gmail.com, dove chi è d’accordo con questa iniziativa potrà inviare ancora per qualche giorno la propria adesione.

Le nuove adesioni
Maria Luisa Agnese
Roberto Altieri
Ezio Arcuri
Pietro Argentiero
Ernesto Auci
Emanuela Audisio
Giancarlo Baccini
Giorgio Balzoni
Giovanni Barattelli
Antonella Barina
Oreste Barletta
Salvatore Bellone
Maurizio Bertucci
Lorenzo Bianchi
Piero Bianucci
Enrico Biondi
Giovanni Bisio
Claudio Bo
Michaela Bohle
Marco Bonatti
Massimo Bozzo
Pino Bruno
Franco Bucarelli
Maria Elisa Buccella
Livio Burato
Pier Vittorio Buffa
Pietro Calderoni
Giuliano Capecelatro
Nicola Caracciolo
Emilio Carelli
Lavinia Cavalletti
Maurizio Caverzan
Mario Celi
Fabrizio Cerri
Alberto Cerruti
Ezio Chiodini
Marcella Ciarnelli
Pier Paolo Cioni
Grazia Coccia
Giovanni PietroCocco
Claudio Andrea Colombo
Ottavio Comand
Luciano Costantini
Sergio Criscuoli
Claudio Cumani
Gianni de Chiara
Lorenzo del Boca
Dante di Ragogna
Filippo Di Stefano
Paolo Emiliano
Gianfranco Eminente
Beppe Errani
Antonella Fantò
Luigi Ferrajolo
Rossella Ferruzza
Paolo Figus
Paolo Forcellini
Paolo Forcolin
Francesco Fornari
Maria Laura Franciosi
Paolo Franchi
Emanuela Franchini
Lorenzo Frassolati
Luca Frati
Marco Frittella
Emilio Fuccillo
Fulvio Fumis
Valter Fuochi
Giorgio Gandola
Giuseppe Gandolfo
Tommaso Genisio
Claudia Giannini
Antonio Giovannini
Giuseppe Maria Gnagnarella
Manuela Grassi
Cristina Guarinelli
Patrizia Guidi
Luciano Gulli
Fulvio Iacometti
Marcella Leone
Silvio Leoni
Michele Lombardi
Francesco Lo Sardo
Angelo Lupoli
Liliana Madeo
Renata Mambelli
Girolamo Mangano
Vittorugo Mangiavillani
Claudio Mantovani
Letizia Maraini
Giampaolo Marchini
Adele Marini
Emanuela Medi
Giuseppe Mennella
Paolo Migliavacca
Mauro Alberto Mori
Giampiero Moscato
Roberto Mostarda
Alberto Nicolello
Domenico Nicosia
Roberto Olivieri
Federico Oppelli
Pier Damiano Ori
Sandra Onofri
Maria Serena Palieri
Carlo Panella
Domenico Paravati
Roberto Perrone
Raffaella Pezzi
Luigi Picitto
Paola Pilati
Paolo Pirovano
Pierangelo Putzolu
Paolo Poletti
Bartolomeo Ponte
Raffaela Prandi
Antonella Rampino
Bruno Ratti
Roberto Reale
Rinaldo Recchia
Ferdinando Regis
Luan Rexha
Alessandro Rocchi
Fiammetta Rossi
Vittorio Sabadin
Tito Saracino
Brunella Schisa
Rossella Sleiter
Vittorio Stamerra
Valentina Strada
Gabriella Susanna
Carola Vai
Antonello Valentini
Raffaele Vecchiarino
Paolo Viberti
Serena Viviani
Clara Zagaria
Paola Zanuttini

5 Commenti "INPGI, PENSIONI: CENTINAIA DI NUOVE FIRME NOPRELIEVO"

  1. Giuseppe Cipriani | 4 Ottobre 2016 ore 13:24 | Rispondi

    Cari pensionati firmatari e indignati, forse ignorate, o fate finta di ignorare, che molti pensionati Inpgi sono d’accordo sul prelievo. E sono probabilmente la maggioranza, perché il prelievo per la maggior parte è davvero poca cosa.
    Non vedo perché, a fronte delle future pensioni penalizzate, non si possa penalizzare quelle del passato, in buona parte ottenute con 35 anni di contributi e fors’anche meno. Dipendesse da me le penalizzerei vita natural durante, e lunga vita ai pensionati tutti, che in questa maniera sarebbero solidali con i giovani sul serio e non solo a parole.
    A quelli che dicono “abbiamo gia dato abbastanza” dico che è abbastanza poco, niente al confronto di quello che daranno in futuro, da pensionati a minime da fame, i giovani che oggi si affacciano alla professione.

    • Ogni opinione è legittima. Sta di fatto che questa protesta parte da dati inoppugnabili: sentenze della Cassazione, decine di milioni di euro già trattenuti dalle pensioni e mai più restituiti, creazione del precedente secondo il quale le pensioni in essere possono essere toccate di 1 come di 1.000 euro. Ti segnaliamo poi che questo appello sta ottenendo le firme di moltissimi giornalisti attivi che non hanno il paraocchi, coscienti del famoso principio: oggi a te, domani a me. Leggi e regole si rispettano sempre, non secondo convenienza.
      Quanto alle pensioni da fame del futuro, citofonare alla Fnsi che con gli ultimi contratti ha svenduto la professione. In questa casa, la professione, stiamo cercando di difenderla da 15 anni.

      • Giuseppe Cipriani | 4 Ottobre 2016 ore 19:47 | Rispondi

        La questione potrebbe essere semplicemente posta come solidarietà intergenerazionale, ma se si invocano le regole, allora la solidarietà rimane solo un sentimento sulla carta.
        Altro che convenienza! Se affermo un principio solidale, lo affermo perché ci credo, non come i burattini che si muovono a seconda del movimento dei fili che li tiene su.
        Credo che un’altra questione da porre in rilievo, oltre all’inefficienza di tutti i sindacati di categoria, sia quella che vede moltissimi colleghi in pensione fare il secondo lavoro (sempre consentito dalla legge, per carità), secondo lavoro che tarpa le ali a tanta gente giovane che potrebbe entrare nella professione e cominciare a versare contributi.
        C’è un tempo per ogni cosa: il lavoro e la pensione sono per me periodi antitetici, ma mi rendo conto che anche in questo caso si pestano i piedi di coloro che vogliono essere pensionati e al tempo stesso attivi, quando l’età chiamerebbe a ben altre attività, non ultime, magari, fare per un po’ di anni cose che non si erano mai fatte prima.

        • Ma di solidarietà, ipocritamente, parla la maggioranza che ha approvato questa delibera. Questo contro cui si protesta in italiano si chiama prelievo forzoso e – così com’è – è illegittimo.
          La solidarietà è per definizione volontaria: e noi siamo favorevoli. Non equivale a un taglio delle pensioni in pagamento, anche di un solo euro.
          D’accordo sull’abuso dei pensionati usati al desk o come inviati. Ma anche qui: citofonare Fnsi (e Fieg) che hanno mandato a casa centinaia di 58enni che sono poi tornati utili nelle redazioni sguarnite. Chiamansi ristrutturazioni selvagge. Noi le combattiamo da sempre, spesso da soli…

  2. Marcella Smocovich | 5 Ottobre 2016 ore 16:27 | Rispondi

    Trovo ignobile che sempre i pensionati debbano pagare. Il nostro lavoro non e’ solo viaggi e stronzate, ma ore notturne festivi e giorni al desk o sulle notizie. Basta attingere nelle nostre tasche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


12 + undici =