INPGI, CASE IN VENDITA: BOTTA E RISPOSTA TRA PRESIDENTE E INPGI FUTURO

 

La valutazione degli appartamenti dell’Inpgi in vendita viene fatta “a corpo” e non contando gli effettivi metri quadri. Lo annuncia la presidente dell’istituto in risposta alle osservazioni di Inpgi Futuro, che replica duramente.

I consiglieri d’amministrazione di Inpgi Futuro Paola Cascella e Carlo Chianura avevano scritto a Marina Macelloni dopo la denuncia di un inquilino di via Trionfale a Roma che aveva ricevuto la visita di un intermediario della InvestiRe, il quale a occhio aveva considerato equivalente a 170 metri quadri la superficie complessiva del suo appartamento. Sull’originale del contratto la misura riferita al solo appartamento era di 112 metri quadri.

Ecco la risposta di Macelloni.

“Riscontro la vostra mail del 4 ottobre scorso, per precisare che i contratti di locazione stipulati dall’Istituto indicano le superfici nette calpestabili, mentre, i prezzi di vendita elaborati da InvestiRe SGR – come da prassi di vendita in uso in tutte le intermediazioni immobiliari – tengono in considerazione le superfici lorde, che quindi includono la maggior volumetria derivante dalle murature”.

Prosegue la presidente dell’Inpgi: “Per quanto riguarda, invece, le vendite così dette “a corpo” – modalità di vendita anche questa radicata nella prassi del mercato immobiliare – vi preciso che i prezzi così espressi  sono perfettamente ancorati alle superfici reali delle singole unità immobiliari poste in vendita. Infatti, ogni unità immobiliare inserita nel piano di dismissione del patrimonio dell’Istituto, è stata oggetto di una misurazione uniforme che ha portato ad un preciso risultato volumetrico, che la SGR ha tradotto in un valore di vendita “a corpo”. Tale prassi viene utilizzata nelle vendite aventi ad oggetto un lotto composto da più unità immobiliari, per evitare che ognuno dei possibili acquirenti misuri i singoli immobili con unità di misura differenti (mm quadrati, cm quadrati o metri quadrati), con conseguente ricalcolo dei prezzi in base alla scala metrica di misurazione utilizzata sulla singola unità”.

A questa risposta è seguita lunedì 10 ottobre la replica di Chianura e Cascella.

“Cara Presidente, la tua mail sulle informazioni richieste a seguito della vicenda dell’inquilino di via Trionfale non chiarisce quanto accaduto.

“Ci dai infatti notizia del fatto che ogni unità immobiliare è stata oggetto di una “misurazione uniforme” che ha portato a un preciso risultato volumetrico che la Sgr ha tradotto in un valore di vendita a corpo. Prassi questa adottata secondo te e la InvestiRe quando si è in presenza di un lotto composto da più unità immobiliari.

“Visto quanto è accaduto all’inquilino di via Trionfale, augurandoci che sia l’unico caso, ci chiediamo che cosa c’entrino le richiamate “unità di misura” per definire una volumetria o una superficie, quando piuttosto sarebbe stato più utile conoscere le modalità di misurazione adottate dalla Sgr, comprese quelle delle “incidenze” (superficie commerciale, posto auto, balconi, cantina, eccetera).

“Tutto ciò fermo restando che sarebbe opportuno comprendere in che cosa consista concretamente la richiamata modalità adottata della “misurazione uniforme”.

“Né possiamo pensare che le modalità di valutazione utilizzate dalla InvestiRe possano aver considerato anche la possibilità, come scrivi, “…che ognuno dei possibili acquirenti misuri i singoli immobili con unità di misura differenti (millimetri quadrati, centimetri quadrati o metri quadrati)”.

“Ci chiediamo con sorpresa che cosa importino i millimetri quadrati o i centimetri quadrati da te richiamati in questa vicenda. Rileviamo scarsa attenzione alle questioni interne e al modo con il quale ci proponiamo all’esterno, ma a questo punto anche nel trattare fatti come questo che ci occupa.

“Ci saremmo aspettati una diversa e più seria trattazione della cosa, come forse anche l’inquilino di via Trionfale che ci auguriamo non abbia “valutato” il rappresentante della Sgr alla stregua di un venditore di tappeti anni ’50.

“Non intendiamo fare il mestiere degli altri”, concludono i consiglieri di Inpgi Futuro, la lista sostenuta da Puntoeacapo. “Quello di consiglieri invece sì e questo ci porta a entrare puntualmente in queste dinamiche. Altro che millimetri quadri e centimetri quadri”.

 

7 Commenti "INPGI, CASE IN VENDITA: BOTTA E RISPOSTA TRA PRESIDENTE E INPGI FUTURO"

  1. Non solo con l’inquilino di via Trionfale ma con tutti gli inquilini degli appartamenti posti in vendita è stato usato l’escamotage della “vendita a corpo” con il risultato di far schizzzare alle stelle il prezzo richiesto. Arzigogola e ironizza su metri, centimetri e millimetri il presidente dell’Inpgi Macelloni (che devo arguire: nomen omen?) per giustificare, richiamandosi a una prassi che di marxiano ha ben poco e molto di avidità, questa bassa macelleria che stanno facendo con gli inquilini messi in seria difficoltà ma spiega ben poco. Intanto non spiega perché nella proposta di “vendita a corpo” non viene indicata la consistenza del corpo, ovvero la misura totale calcolata e, rammentando che in anatomia un corpo è composto da varie parti (testa, tronco, arti superiori e inferiori), non viene dettagliato quanto le singole parti (abitazione, muri perimetrali, cantina, box e anche – nel caso della mia palazzina in via Sanzeno 25 – quello spicchio di aiuola spacciato per giardino) incidono sull’esoso prezzo finale. Mi prurigina il sospetto che le teste pensanti della Sgr abbiano preso a riferimento il corpo statuario di Ursula Andress che in bikini esce dal mare o quello di Venere che sorge dalle spume e non di un appartamento decoroso ma non certo di gran pregio. Ne viene specificato quanto incidano le murature che, come spessore, non sono le Mura Aureliane.
    È un comportamento decisamente scorretto che è la chiosa di tutta un’operazione fatta di escamotage per aggirare e neutralizzare tutte le norme e le leggi che tutelano gli inquini tenendo presente la natura dell’Inpgi e il legame con gli inquilini giornalisti (in attività o in pensione).

  2. Gabriele Eschenazi | 12 Ottobre 2016 ore 9:26 | Rispondi

    Su questo tema anch’io ho scritto questa mail a Investire Immobiliare, ma non ho ricevuto risposta. La scorrettezza perpetrata a danno degli inquilini è evidente. Di seguito la mia mail: “Ieri ho ritirato la lettera nella quale mi si propone l’acquisto dell’appartamento da me occupato a Milano in via Fraschini alla cifra di 268.000 euro. La metratura dell’appartamento così come indicata nel contratto di affitto è di 135 metri quadri (comprensivi di box e cantina) che moltiplicati per il prezzo di 1890 euro al metro quadro indicati da Investire come prezzo medio per via Fraschini producono la cifra di: 255.150 euro. Un prezzo molto inferiore a quello da voi proposto e che non tiene conto del fatto che il mio appartamento è ubicato al primo piano e di altri fattori. Chiedo dunque di sapere in maniera trasparente e chiara (nella lettera non si spiega nulla) come si è arrivati a formulare questo prezzo”.

  3. E’ la vecchia questione dell’oste del vino. E’ evidente che gli inquilini vogliono comprare a prezzi bassi (e magari rivendere subito dopo al rialzo ricavandoci un bel guadagno). L’Inpgi (rectius, il Fondo Immobiliare) deve invece valorizzare i propri beni e farli fruttare il giusto, senza sconti che verrebbero di fatto “pagati” dall’intera categoria degli iscritti (inquilini o meno, acquirenti e non). E a proposito di chi cavalca la protesta al grido di “abbassate i prezzi”, il concetto di “conflitto di interessi” vi dice qualcosa?
    Evitate derive demagogiche e prendete atto che nessuno può arrogarsi il diritto di avere la verità in tasca. Un pò di sana obiettività ogni tanto non guasta.

    • Hai proprio ragione, nessuno ha la verità in tasca. E soprattutto questa operazione deve fare contemporaneamente gli interessi dell’Inpgi rispettando i diritti di legge degli inquilini. Dove vedi il problema?

  4. Caro Paolo Taruffi più che di oste e vino siamo al dito e alla luna. La “luna” indicata dal dito e che bisognerebbe guardare è che tutta l’operazione dismissione case Inpgi ha molti lati oscuri e scabrosi. Non sono gli inquilini a tirare sul prezzo ma è stato il proponente (Investire Sgr in nome e per conto dell’Inpgi) a gonfiarlo a dismisura prendendo come punto di riferimento la quotazione più alta della zona, ricamandoci sopra con la cosiddetta misurazione a corpo e intimando tacitamente al ricevente:”prendere o lasciare”. Escludo che l’intenzione dei colleghi inquilini indignati e preoccupati sia quella di “speculare” – come polemicamente sottolinei – sul prezzo di vendita per poi rivendere a guadagnarci su. Lo escludo perché quasi tutti siamo giornalisti (attivi o pensionati non importa) e non sono proprio in grado economicamente di giocare con la speculazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciotto + quindici =