INPGI, PENSIONI TAGLIATE IN MEDIA DI 1.000 EURO ALL’ANNO

 

“Leggete quanto è il contributo di solidarietà” è il refrain sindacale (e non solo) alzato come una cortina fumogena sul provvedimento che di fatto inaugura la stagione dei tagli alle pensioni presenti e future.

Si vuole fare intendere che la delibera dell’Inpgi chiede a un gruppo di presunti privilegiati pochi spiccioli. A parte che – insistiamo e chiediamo scusa in anticipo ai Vyšinskij in sedicesimo che si aggirano nella categoria –  la questione è squisitamente di principio giuridico. Ma il fatto è che mentono anche sulle dimensioni del prelievo.

La prima notizia che diamo a loro e a tutti i giornalisti è la seguente. Se si divide il gettito previsto nei 3 anni dall’Inpgi (19 milioni di euro nel triennio – cioè 6 milioni e 333 mila euro l’anno) per il numero dei giornalisti interessati (6.554), si scopre che la media di prelievo per ogni pensionato sfiora i 1.000 euro all’anno, 966 per la precisione.

Una cifra considerevole che dimostra una cosa, per cominciare: non stiamo parlando di pochi spiccioli. Non parliamo dei 5 euro che in maniera corriva da mesi si ripetono a pappagallo nelle stanze di chi dall’Inpgi prende e nulla in cambio dà, né in termini di tutela dell’occupazione né tantomeno sul versante dei diritti.

Si dirà: ma è la media del pollo di Trilussa. Allora facciamo i conti fascia per fascia e cominciamo a verificare che – quantomeno – i dati veri che vi mostriamo oggi divergono anche da quelli elaborati dall’Inpgi e resi noti nella bozza pubblicata dalla Fnsi. Vediamo:

  • fino a 37.999 euro lordi annui: nessun prelievo. Sono così esonerati 2.756 giornalisti pensionati
  • da 38 mila a 56.999 euro lordi (ne sono interessati 2.065 pensionati, circa il 30 per cento del totale dei pensionati interessati al prelievo): prelievo forzoso dell’1%, variabile da un minimo di 0,1 ad un massimo di 189,9 euro lordi annui (15,8 euro lordi mese)
  • da 57mila a 74.999 euro lordi (ne sono interessati 2.034 pensionati, un altro 30 per cento): prelievo forzoso del 2%, variabile da un minimo di 190 euro lordi annui (15,8 euro lordi mese) ad un massimo di 549,7 euro lordi annui (45,8 euro lordi mese)
  • da 75 mila a 109.999 euro lordi (ne sono interessati 2.024 pensionati, ulteriore 30 per cento): prelievo forzoso del 5%, variabile da un minimo di 550 euro lordi annui (45,8 euro lordi mese) ad un massimo di 2.299,2 euro lordi annui (191,6 euro lordi mese)
  • da 110 mila a 149.999 euro lordi (ne sono interessati 326 pensionati, circa il 5 per cento): prelievo forzoso del 10 %, variabile da un minimo di 2.300 euro lordi annui (191,6 euro lordi mese) ad un massimo di 6.299,1 euro lordi annui (524,9 euro lordi mese)
  • da 150 mila a 199.999 euro lordi (ne sono interessati 70 pensionati, circa l’1 per cento): prelievo forzoso del 15%, variabile da un minimo di 6.300 euro lordi annui (525 euro lordi mese) ad un massimo di 13.797,4 euro lordi annui (1.150 euro lordi mese)
  • oltre 200 mila euro lordi (ne sono interessati 35 pensionati, circa lo 0,5 per cento): prelievo forzoso del 20% variabile da un minimo di 13.797,4 euro lordi annui (1.150 euro lordi mese) ad un massimo di 52.300 euro lordi annui (4.358 euro lordi mese).

Dunque i due terzi dei giornalisti in pensione dovranno versare tra i 189 e i 2.300 euro all’anno. Siamo molto lontani dai 5 euro al mese, applicabili al massimo per le pensioni intorno ai 44.000 euro circa (la media pensionistica Inpgi è intorno ai 65.000 euro, quella retributiva intorno ai 60.000). E siamo lontani dai 5 euro fin dall’ultima parte del primo scaglione. E nei successivi scaglioni dobbiamo considerare che i contributi percentuali si sommano a quelli previsti nelle fasce precedenti.

L’Inpgi si è premurata di far sapere che “il contributo di solidarietà diminuisce l’imponibile Irpef”, il che è vero: ma è anche vero che, pur se alleggerisce il danno, il beneficio fiscale non riporta il prelievo forzoso alle “modeste dimensioni” che si vantano in giro. Qui, però, bisogna accettare un minimo di approssimazione.

Ma di fatto, sempre stando alle tabelle Inpgi rese note dalla Fnsi, fino a 110 mila euro il risparmio fiscale è di poco inferiore alla metà del prelievo lordo: quindi il prelievo mensile netto sarà intorno agli 8/9 euro fino a 56.999 euro, attorno ai 23/24 euro mensili fino ai 74.999 euro, e intorno ai 100 euro mensili fin ai 110 mila euro lordi di pensione; poi il risparmio fiscale scende a poco più di un terzo del prelievo lordo e oltre i 150 mila euro l’importo trattenuto “per solidarietà” arriva attorno ai 1.100 euro mensili. Insomma, si va dagli 8 fino ai 1.100 euro mensili.

Sì, ma allora quei 5 euro di cui dicono sempre? Beh, quella è fantasiosa mistificazione.

P.S. Si ricorda, infine, che l’attuale taglio, previsto dalla legge Letta la n. 147 del 2013, che colpisce anche i pensionati Inpgi titolari di un vitalizio superiore ai 91 mila 250 euro lordi l’anno, scadrà il 31 dicembre prossimo, mentre il blocco della perequazione delle pensioni in atto da circa 6 anni riguarderà i 2/3 dei pensionati Inpgi, cioé i titolari di vitalizi medio-alti, fino al 31 dicembre 2018. In entrambi i casi l’Istituto potrà risparmiare parecchi milioni di euro.

3 Commenti "INPGI, PENSIONI TAGLIATE IN MEDIA DI 1.000 EURO ALL’ANNO"

  1. Giuseppe Cipriani | 12 ottobre 2016 ore 18:38 | Rispondi

    Sarebbe interessante capire chi sa fare i conti giusti… Voi o l’Inpgi? Per il prelievo più basso si passa dai 189 euro lordi calcolati da voi ai 129 lordi, se ricordo bene, calcolati nella tabella Inpgi. Siccome la matematica non è un’opinione, chi abbindola le cifre? Anche se ritengo, in ogni caso, che la sostanza non cambi: sempre di difesa del dio danè si tratta (per fortuna di meno del 10% dei pensionati). Staremo a vedere se i ministeri si lasceranno condizionare dalla paura dei ricorsi paventati, pena però sconfessare quanto votato dai loro rappresentanti all’interno del consiglio Inpgi, e sarebbe una bella sputtanata.

    • Perchè mai “meno del 10 per cento dei pensionati”? Stiamo parlando dei due terzi, nessuno dei quali ha rubato nulla. Altri piuttosto stanno mettendo le mani in tasca. Per il resto hai ragione: se non approvasse la delibera, il ministero del Lavoro dovrebbe sconfessare il proprio rappresentante nel Cda, il professor Marè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


4 + 4 =