INPGI, SULLA VENDITA DELLE CASE INQUILINI PRONTI ALLE AZIONI LEGALI

 

I giornalisti inquilini Inpgi salgono in barricata. Mentre una delegazione del coordinamento dei comitati che li rappresentano ha incontrato il 13 ottobre Sgr InvestiRe, i forti malumori nati fin da questa prima fase dell’operazione di dismissione di gran parte del patrimonio immobiliare dell’istituto sono esplosi in un’assemblea che si è svolta martedì 11 a Roma.

Assemblea che si si è conclusa con un documento approvato all’unanimità. Al centro delle proteste soprattutto i prezzi di vendita scontati, ma che in realtà, sostengono gli inquilini, sarebbero superiori ai valori di mercato. Viene criticato anche il metodo seguito dalle agenzie immobiliari incaricate da Sgr di presentare le offerte di acquisto “agevolato”. Gli inquilini lamentano di essere stati contattati sui numeri privati del cellulare o addirittura aspettati all’entrata di casa.

Ma c’è di più. Come segnalato anche da Inpgi Futuro, si sarebbero verificati casi di errori o carenze nelle informazioni fornite dal personale incaricato. Una situazione preoccupante che spinge il Comitato a ribadire la richiesta già avanzata dal Sindacato dei giornalisti inquilini di sospendere il termine di 60 giorni che era stato fissato per aderire all’offerta di acquisto. Gli inquilini vogliono incontrare i vertici dell’Inpgi, “il cui silenzio”, scrivono,  ”è inaccettabile e incomprensibile”. Per tutto questo, occorre sospendere e rivedere il rinnovo del patto sui canoni sottoscritto due anni fa che sarebbe, scrivono, la causa degli affitti insostenibili e  ”dell’espulsione di fatto di decine e decine di famiglie dalle proprie case”.

Il documento approvato dall’assemblea si conclude con una forte richiesta di trasparenza: sulla tempistica delle quattro tranche di vendita degli immobili,  sull’elenco delle agenzie incaricate dell’operazione di vendita,  fino alla verifica da parte della commissione alloggi dei contratti di locazione firmati a ridosso della delibera del Cda Inpgi del 14 giugno scorso che ha dato il via all’operazione dismissione,  e della scelta degli immobili da vendere.

Come naturale conseguenza di questo stato di cose i vari comitati degli inquilini si stanno preparando ad azioni legali per contestare l’operato della Sgr.

6 Commenti "INPGI, SULLA VENDITA DELLE CASE INQUILINI PRONTI ALLE AZIONI LEGALI"

  1. Giuseppe Cipriani | 14 Ottobre 2016 ore 7:04 | Rispondi

    Di solito è il proprietario di un immobile che fa il prezzo… Chiaro che deve essere il più aderente possibile ai prezzi di mercato se pretende di vendere in fretta, ma se il nostro istituto di previdenza riesce a realizzare di più e a mettere soldini in cassa, perché dovremmo dispiacercene?
    Se a un inquilino quel prezzo non sta bene non è obbligato all’acquisto, vigili piuttosto che sia lo stesso prezzo che poi viene richiesto all’acquirente.

    • E’ una questione di domanda e di offerta. Se – come già accaduto in passato – l’Inpgi impone prezzi fuori mercato, semplicemente non vende. Se fa lo stesso oggi non è che realizza di più, come tu ipotizzi, ma semplicemente rischia di far fallire il piano delle dismissioni che dovrebbe dare ossigeno (e liquidità) all’istituto. Rischiando di fare la parte di quel famoso marito che voleva fare dispetto alla moglie. Non sappiamo se hai presente… Con gli inquilini nella parte della moglie (che può cercare altrove), e l’Inpgi in quella del marito.

      • Giuseppe Cipriani | 15 Ottobre 2016 ore 10:11 | Rispondi

        Giusto, è proprio una questione di domanda e offerta. Si spera che il giusto prezzo di mercato sia accettato dagli inquilini e che non pretendano agevolazioni e sconti che andrebbero a inficiare il progetto dismissioni. Credo che su questo non possiate non concordare.

        • Assolutamente sì. E’ quello che i consiglieri di Inpgi Futuro hanno sostenuto fin dal primo minuto: nessun privilegio, facciamo gli interessi di tutti i giornalisti. E questo significa la volontà di mettere a nudo le evidenti contraddizioni di questo piano di dismissioni.

  2. Buongiorno,
    come scritto nell’articolo, nel documento dell’Assemblea si richiede trasparenza anche sulle tempistiche di vendita delle altre 4 tranche. Ma oltre alle tempistiche sarebbe possibile anche sapere quali saranno su Roma gli immobili che saranno messi in vendita. Come inquilino da quasi 20 anni mi farebbe piacere sapere se potro’ comprare il mio appartamento. Grazie per il vostro impegno

    • Buongiorno Francesca, le tempistiche sono stabilite dal comitato di gestione del Fondo Amendola. Indicativamente, gli immobili (non tutti) dovrebbero essere dismessi entro il 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciassette − tre =