INPGI, PENSIONI. L’UNGP DELLA SARDEGNA CONTRO IL PRELIEVO FORZOSO

 

Tra i vari gruppi di pensionati che si stanno opponendo al prelievo forzoso figura oggi anche l’Unione della Sardegna, che si associa ufficialmente alla raccolta di firme sotto il manifesto ai ministri Padoan e Poletti.

In un documento si sottolinea tra l’altro che “si continua a definire contributo di solidarietà e che, anche prescindendo dalla terminologia, si configura come un intervento con un profilo giuridico illecito a cui si aggiunge una motivazione sociale contradditoria e un impatto sui conti irrilevante”.

“La  fattispecie di cui parliamo fa pensare dal punto di vista giuridico se non a un’estorsione  a una appropriazione indebita; sotto l’aspetto sociale il provvedimento non trova più giustificazioni o richiami al principio di equità , dopo la scelta incomprensibile di allargare la platea dei futuri tartassati anche ai percettori di un trattamento pensionistico superiore ai 38 mila euro lordi (l’ipotesi precedente era da 58 mila in su).  Infine, rischia di tradursi in un intervento inutile, visto che si stima in poco più di sei milioni di euro la somma che entrerà nella casse dell’istituto. Una goccia d’acqua nel pozzo prosciugato dei conti dell’Inpgi. Ci associamo quindi alla raccolta di firme e all’appello ai ministri Padoan e Poletti, promosso dal presidente del gruppo romano giornalisti pensionati”.
I pensionati sardi chiedono, inoltre, che i vertici dell’Inpgi “facciano chiarezza e fughino dubbi, perplessità, maldicenze su altre due vicende cruciali: l’accordo sottoscritto sulla ex Fissa e l’avvio delle procedure di dismissione di una parte del patrimonio immobiliare dell’Istituto”. Sull’ex fissa “condividiamo l’ordine del giorno approvato dal Consiglio nazionale e chiediamo il rispetto di tempi e modalità di corresponsione ai colleghi delle somme loro dovute”.

Quanto alla alienazione di parte delle case dell’Istituto, “è indispensabile garantire  la massima trasparenza delle procedure e il rispetto del principio di equa valutazione del valore degli immobili, secondo la media dei prezzi di mercato ed, eventualmente, affidandosi alla valutazione di periti indipendenti”.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 + 17 =