STAMPA ROMANA, E’ CRISI. DIPENDENTI IN CIG E SERVIZI A RISCHIO

 

Una crisi che esplode fragorosamente e all’improvviso: Associazione Stampa Romana non riesce a far quadrare i conti e pensa di scaricare la crisi sul personale, mettendolo in cassa integrazione.

Lo fa senza aver avvertito gli enti di categoria (la Cig al 50 per cento dimezzerà il servizio a Inpgi e Casagit nei mesi di novembre e dicembre), lo fa senza informarne la sua maggioranza (e qualcuno protesta), lo fa senza aver aperto una vertenza formale con il personale.

Insomma, lo fa così: quasi en passant.

Ed è la plastica rappresentazione di quanto non regga più un modello nel quale gli enti di categoria (che sono di tutti i giornalisti) finanziano il sindacato (che è solo di alcuni) per ricevere un servizio che ora ASR mostra di ritenere marginale.

A sorpresa, nel bel mezzo di una trattativa ancora assolutamente a livello informale, il segretario di Stampa Romana, Lazzaro Pappagallo, venerdì 28 ottobre spedisce alla Direzione Generale Lavoro della Regione Lazio la richiesta di mettere in cassa integrazione in deroga, al 50 per cento e per i mesi di novembre e dicembre, tutto il personale, cioè gli undici poligrafici e i due giornalisti che lavorano negli uffici di piazza della Torretta. La segreteria ASR spiega che la richiesta di Cig è dovuta al rosso per 37.387 euro nel bilancio 2015, che sarebbe il risultato del calo degli iscritti (solo 3.450 nel 2015), dei minori contributi INPGI e Casagit (che tuttavia versano a ASR rispettivamente 336 mila e 209 mila euro) e del canone d’affitto (94.250 euro) chiesto da INPGI. Il costo del personale ammonta a 808.978 euro.

Immediate le reazioni: gli enti di categoria aspettano di valutare l’effettiva portata del mancato servizio agli assistiti, sconcerto e irritazione serpeggiano tra i molti dirigenti di Stampa Romana presi in contropiede dall’iniziativa, il personale scende compatto sul sentiero di guerra e mette sotto accusa la gestione del segretario, denunciando senza mezzi termini “il concreto rischio che i servizi dell’Associazione Stampa Romana possano interrompersi con effetto immediato per la decisione unilaterale del Segretario Lazzaro Pappagallo, che senza alcun preavviso e senza alcun rispetto per le procedure sindacali” ha avviato la procedura per la messa in cassa integrazione di tutti i dipendenti.

La durissima nota del personale – dipendenti poligrafici e dipendenti giornalisti assieme –  stigmatizza il “colpo di mano degno di un regime” con cui “il segretario del sindacato dei giornalisti del Lazio ha pensato di arginare un potenziale secondo bilancio in rosso tagliando ciò che è più semplice tagliare, le retribuzioni dei 13 dipendenti, 13 famiglie che senza alcun preavviso, senza alcuna comunicazione si troveranno con risorse ridotte” e nello stesso tempo avverte che i giornalisti “si ritroveranno con un’assistenza dimezzata”. Appunto quel servizio che invece è la ragione unica dei finanziamenti versati da INPGI e Casagit alla Associazione Stampa Romana, come a tutte le altre Associazioni Stampa regionali.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


otto + venti =