STAMPA ROMANA, PUNTOEACAPO: CRISI DI UN MODELLO DI SINDACATO

 

Puntoeacapo segue e seguirà con attenzione una vicenda come quella di Stampa Romana che sembra mostrare plasticamente la crisi profonda e storica del modello sindacale Fnsi-associazioni regionali.

Una crisi di risultati e di rappresentanza che portò nel 2014 la nostra associazione a lasciare la Federazione. Non è un mistero che il crollo delle iscrizioni alla Romana sia figlio anche di quella nostra decisione, considerato che da almeno 10 anni Puntoeacapo è la componente di maggioranza relativa e a tratti assoluta dei giornalisti del Lazio, come anche nel 2016 hanno dimostrato le elezioni per l’Inpgi.

Sia quando abbiamo partecipato alla vita del sindacato romano (vedi qui, qui, qui, per esempio, ma anche qui), sia quando ne siamo usciti, non abbiamo mai mancato di sottolineare la gestione insostenibile delle risorse economiche. Una quota crescente di queste risorse (peraltro sempre più scarse) venivano impiegate in spese di gestione esorbitanti, con pochi spiccioli destinati alla vera e unica ragione sociale di un sindacato, vale a dire la difesa dei “diritti morali e materiali” degli iscritti, come recita il tanto bello quanto trascurato Statuto della Romana.

Va riconosciuto alla attuale dirigenza politica di avere ereditato una situazione negativa e di avere cercato di imprimere una svolta o almeno di correggere il percorso in un sindacato sempre più lontano dalla base. Come va anche riconosciuta una analisi politica della crisi del giornalismo lontana anni luce dal familismo acritico delle piccole associazioni e dal finto lealismo dell’altra grande associazione italiana, la Lombarda. Prova ne siano le molte prese di posizione della Romana prima e dopo la firma del disastroso contratto del 2014.

L’altro capitolo che questa crisi apre riguarda la gestione delle risorse di tutti gli iscritti, anche di quelli che non hanno la tessera del sindacato. Alla Romana vanno centinaia di migliaia di euro per servizi Inpgi e Casagit concessi in esclusiva. Questo momento rivelatore dimostra che, senza quei soldi, l’Asr come tutte le altre associazioni regionali non potrebbe letteralmente sopravvivere. Svelando così il vero motivo della crisi di un modello di rappresentanza: un sindacato vive, e prospera, se ha tanti iscritti. E ha tanti iscritti se viene vissuto come un soggetto che rappresenta un movimento. Invece oggi si rivela soggetto che sopravvive in quanto beneficiario di una condizione di monopolio nella erogazione di servizi essenziali per la categoria. Troppo poco – come stiamo vedendo – per giustificarne la ragione sociale.

In tutto questo siamo sinceramente vicini ai lavoratori dell’associazione, che solo ora vengono allo scoperto ma che certo da anni avevano compreso la direzione sbagliata verso cui si stava dirigendo il sindacato romano. E ricordiamo a noi stessi, prima che ai finti difensori e ai vari sepolcri imbiancati, che a essere in gioco ieri, oggi e domani è questa idea malsana del sindacato, non certo il Sindacato come soggetto in grado di difendere una professione così importante per la democrazia.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


9 − sei =