FNSI, A PROPOSITO DI LEGALITA’, STATI DI CRISI E DI APPELLI ALL’UNITA’

 

di Matteo Cosenza*

Ho letto il documento conclusivo dell’assemblea dei giornalisti che hanno aderito al manifesto di costituzione di un soggetto unitario della categoria promosso dalla Fnsi. Un testo lunghissimo come una volta lo erano le tesi congressuali dei partiti.

Mi soffermo solo su un punto che mi sembra sia la cartina di tornasole della crisi del settore e delle responsabilità del sindacato.

Scrivono i firmatari a proposito della legge sull’editoria di recente approvata: «Si tratta ora, attraverso il confronto con il governo, di definire i regolamenti di attuazione della legge, con particolare riferimento alla necessità di garantire le risorse soltanto alle imprese che dimostreranno di aver rispettato tutti gli obblighi, compresi quelli retributivi, previsti dalle leggi e dai contratti nazionali di lavoro».

Se lo scrive chi ha gestito e gestisce il sindacato è evidente che si ammette che finora i contributi siano andati anche ad aziende editoriali che non erano in regola. Ma perché non si è vigilato prima di favorire, promuovere e sottoscrivere accordi su stati di crisi, contratti di solidarietà, cassa integrazione e prepensionamenti che hanno avuto soprattutto l’effetto di consentire agli editori di salvaguardare i loro profitti scaricandone l’onere sullo Stato e falcidiando la categoria e il nostro istituto di previdenza con tagli e costi pesantissimi? Non lo sapevano? Ecco, un esempio concreto per evidenziare questa complicità.

Scrivono, dunque, i giornalisti nel loro documento: «Il nuovo soggetto deve trovare la compattezza per difendere i diritti, riaffermare i doveri e salvaguardare il welfare della categoria attraverso gli Istituti e gli Enti: l’Inpgi per la previdenza; la Casagit per l’assistenza sanitaria; il Fondo di Pensione Complementare, il cui ruolo sarà sempre più strategico per dare a tutti, soprattutto ai più giovani, la possibilità di costruire il secondo pilastro della previdenza; l’Ordine dei giornalisti, che deve tornare ad essere cane da guardia della deontologia e garanzia per i cittadini della correttezza e della qualità dell’informazione».

 

fondo-cosenzaA proposito del Fondo di Pensione Complementare della Fnsi sanno i suddetti colleghi che ci sono aziende che non hanno versato e non versano le quote annuali di Tfr? Io posso testimoniare che nel mio ex giornale, “Il Quotidiano della Calabria” oggi “Quotidiano del Sud”, l’editore non ha versato e non so se continui a non versare le quote del Tfr che i giornalisti hanno destinato, per un eccesso di fiducia nel loro sindacato, al Fondo di Previdenza Complementare della Fnsi?

Da due anni sono in attesa che la giustizia civile mi consenta di avere il mio denaro, maturato nel corso di circa 8 anni e di cui l’editore non ha versato un euro, come si può vedere dalla comica (non so definirla diversamente) comunicazione che nei giorni scorsi mi ha inviato il Fondo e che si può vedere nella foto.

Ora, che molte aziende non siano in regola si sa ma ciò che non va è la sostanziale inattività del Fondo nel pretendere dalle aziende le quote da investire. Al massimo il Fondo si è limitato a mandare qualche sollecito e, solo in caso di vertenze giudiziarie, a mostrare un po’ di energia.

 

Di più grave, però, c’è il fatto che la Fnsi, mentre consentiva con il suo avallo la sottoscrizione di stati di crisi con relativi finanziamenti pubblici alle aziende, non vedeva che in una delle stanze della sua sede di Corso Vittorio Emanuele si permetteva alle stesse aziende di violare regole che non solo penalizzavano i giornalisti ma limitavano anche la sua gestione finanziaria impedendo, per effetto del mancato versamento dei contributi, di investirli e farli fruttare.

La Fnsi attraverso i giornalisti firmatari promette che il ruolo del Fondo sarà sempre più strategico. Bene. Speriamo solo che sia cambiata la strategia e che si incominci a bloccare l’erogazione di risorse finanziarie pubbliche agli editori che sfacciatamente non fanno il loro dovere. Tanto per non essere, ribadisco, complici.

* Ex direttore del Quotidiano della Calabria

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


7 − 4 =