INPGI, ALMENO UNA FIRMA APOCRIFA SOTTO LA LETTERA CONTRO ABRUZZO E FRANZ

 

Una svista dettata dalla superficialità o un grave episodio di abuso? Apre interrogativi degni di una risposta la firma apocrifa di una consigliera generale dell’Inpgi sotto la lettera di censura ai sindaci dell’istituto Franco Abruzzo e Pierluigi Franz.

Tutto nasce quando la consigliera si accorge che tra le 42 (presunte?) firme che compaiono alla fine della lettera indirizzata al presidente del Collegio dei sindaci Paolo Reboani contro Abruzzo e Franz figura anche la propria.

A quel punto, la consigliera scrive una mail allo stesso Reboani, alla presidente dell’istituto Marina Macelloni e ai diretti interessati, deplorando l’accaduto e chiedendo immediate spiegazioni.
Verrebbe chiesto il nome chi ha apposto la firma e sarebbe definito grave l’episodio, anche in considerazione della personalità giuridica di ciascun consigliere. Inoltre si chiederebbe di rendere nota questa presa di posizione durante il prossimo Consiglio generale.

Secondo indiscrezioni, la mail viene indirizzata alla mail istituzionale dell’Inpgi, ma non è recapitata immediatamente ai destinatari. Tanto che la consigliera decide di mandare, alcuni giorni dopo il primo invio, una pec allo stesso indirizzo, ribadendo la richiesta di inoltro.

Non c’è forse dubbio sul fatto che la maggioranza del Consiglio generale abbia firmato questa lettera. Colpisce però l’episodio in questione, che ora si vorrebbe minimizzare addebitandolo a un banale disguido.

Una domanda si impone: siamo certi che quello della consigliera sia stato l’unico episodio del genere in questa improvvida e irrituale iniziativa della maggioranza Inpgi? Potremmo capirlo nei prossimi giorni.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sei − tre =