8 MARZO, PARITÀ DI GENERE IN CASAGIT: L’AUGURIO E L’IMPEGNO DEI GIORNALISTI DI PUNTOEACAPO

 

di Corrado Chiominto e Rossella Lama

 

Auguri! Auguri a tutte le donne, bambine, mamme, nonne, assistite dalla Casagit. Dalla più giovane, che non ha un mese di vita, alla nostra più anziana, la signora centenaria del 1909, che ha compiuto 107 anni. E auguri a tutte le cinquanta donne che per la Casagit lavorano, con scrupolo, rigore e impegno, soddisfando i nostri bisogni dei momenti più difficili della vita, quelli della malattia. E che ci troviamo al fianco, supporto con dati preziosi, nelle decisioni che prendiamo in consiglio di amministrazione.

Come ogni organismo vivente, anche Casagit non è mai uguale a se stessa. Cambia per adeguarsi al mondo che le sta intorno, alla dinamica dei contributi versati dagli assistiti e dagli editori, calati di 4 milioni di euro negli ultimi cinque anni, e a quella crescente delle prestazioni che tenderebbero ad impennarsi per l’invecchiamento della nostra popolazione assistita e l’arretramento dei servizi offerti dalla sanità pubblica. E che riusciamo a tenere sotto controllo grazie al certosino lavoro di stipula di convenzioni con strutture di qualità, alla messa a punto di pacchetti che ci consentono di stabilire a priori con le cliniche i costi ai quali andiamo incontro, senza restare in balia di conti e parcelle sempre più esose.

Riuscire a mantenere la barra al centro richiede un lavoro continuo di aggiustamento e di fantasia. Un lavoro certosino che piano piano sta mutando il volto di Casagit. I nuovi profili per i soci volontari sono stati un passaggio importante. La consulenza che offriamo ad altre categorie di professionisti attraverso Casagit Servizi è stata un’ altra tappa di questo percorso. Ha significato l’inizio di un processo di apertura verso popolazioni diverse da quelle dei giornalisti. Un processo inevitabile che ora, più coraggiosamente, sta prendendo forma con l’offerta diretta di servizi sanitari da parte dei nostri poliambulatori anche a nuovi compagni di strada, che speriamo arrivino presto, e numerosi.

Siamo ad un passaggio cruciale e decisivo per la stessa sopravvivenza di Casagit. Dobbiamo decidere come andare avanti, e non potremo farlo se non crescendo. E dobbiamo farlo tutti insieme, le donne sono la metà della nostra popolazione, ma negli organi decisionali sono in una minoranza offensiva. Dal 6 al 10 giugno si voterà per il rinnovo degli organi sociali, avremmo voluto arrivarci con nuove regole che garantissero una vera rappresentanza femminile. Noi di Puntoeacapo siamo stati in prima fila in questa battaglia di modernità e civiltà, l’abbiamo promossa e portata avanti con tenacia. Ma siamo una componente di minoranza e lo sbarramento fatto dalla maggioranza in assemblea dei delegati ha impedito che arrivasse in porto persino la soluzione di compromesso che avevamo accettato in consiglio di amministrazione. Una soluzione che, pur avendo ottenuto la maggioranza dei voti dell’assemblea, non è riuscita a raggiungere i due terzi necessari per modificare lo statuto.

Non diamoci per vinti però. Dobbiamo arrivare al risultato anche senza regole che ce lo assicurino. E c’è un modo solo: impegnarsi, mettersi in lista come candidate, convincere amiche e colleghe a farsi avanti. Fare in modo che l’assemblea nazionale dei delegati sia più rosa di quanto oggi non sia. E poi il passo successivo, votare per le donne del consiglio di amministrazione. Per superare quel monocolore che oggi contraddistingue il vertice (presidente, due vicepresidenti, presidente della commissione permanente, presidente del consiglio sindacale) tutti uomini. Le donne hanno molto da dire e hanno diritto a sedere dove devono essere ascoltate. Ci piace pensare che le prossime elezioni segneranno una svolta. E’ il nostro augurio per questo 8 marzo.

 

*Cda Casagit, dirigenti di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


undici + 1 =