INPGI FUTURO IN CDA: PRELIEVO SULLE PENSIONI ATTO ILLEGITTIMO

 

Il Consiglio di amministrazione dell’Inpgi ha il potere di variare le aliquote dei contributi obbligatori che devono essere versati dall’azienda e dai giornalisti. Ma non quello di imporre una trattenuta sulle pensioni dei giornalisti già stabilite ed erogate.
L’introduzione della misura è difatti un atto illegittimo poiché questa possibilità discende soltanto da una specifica previsione di legge.

I consiglieri di Inpgi Futuro Paola Cascella e Carlo Chianura lo hanno ribadito nel Cda del 15 marzo 2017, chiedendo che fosse messa a verbale una dichiarazione contenente una forte critica al recente via libera dei ministeri del Lavoro e dell’Economia al prelievo forzoso sulle pensioni già in essere.

Un via libera che contraddice la lettera con la quale nel febbraio 2016 gli stessi ministeri avevano bocciato il cosiddetto contributo di solidarietà, anche in previsione di una marea di ricorsi dall’esito incerto che, così scrissero, con tutta probabilità sarebbero costati all’Inpgi cifre più che considerevoli. Arrivando a vanificare gli effetti (stimati con la delibera dello scorso settembre in 6 milioni) del prelievo.

Cascella e Chianura di Inpgi Futuro, che in Cda avevano già votato contro la trattenuta sugli assegni dei pensionati, hanno ricordato che l’unica misura in tal senso è prevista – solo per un determinato ammontare e solo per un periodo di tre anni – dalla legge 147 del 27 dicembre 2013.
Il prelievo  varato dal Consiglio di amministrazione nel settembre scorso, e ora accolto dai ministeri, eccede i termini quantitativi e temporali stabiliti da quella legge.

Da qui la sua illegittimità stabilita anche da diverse sentenze della sezione lavoro della Corte di Cassazione civile nel 2015 e nel 2016, fino a diventare principio di giurisprudenza consolidata.

Consiglieri di maggioranza hanno proposto alla presidente Marina Macelloni che la dichiarazione a verbale di Chianura e Cascella sia inviata ai ministeri vigilanti per ottenere “un parere definitivo” sulla vicenda. Dimenticando che l’Italia resta uno Stato di diritto e che l’ultima parola potrebbe spettare alla magistratura amministrativa e a quella civile se gli oltre mille firmatari dell’appello ai ministri del Lavoro Giuliano Poletti e dell’Economia Piercarlo Padoan dovessero decidere di ricorrere contro la delibera che ha introdotto il prelievo forzoso sulle pensioni dei giornalisti.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


12 − 11 =